Loading...

Come scegliere la città da visitare?

Chi di voi non si è mai posto questa domanda?!  Io, giusto qualche giorno fa, ero in bilico totale nella scelta tra due città europee famosissime! Perché si, se spesso si hanno le idee chiare su quale sia la prossima meta del nostro viaggio, molte altre volte invece hai talmente tanti spunti che ti frullano in testa da non sapere neanche tu quale sia obbiettivamente la scelta migliore! Sarà che personalmente ho poco tempo disponibile per i miei viaggi annuali e quindi scegliere tra una o l’ altra città comporta rimandare la non scelta a chissà quando. Ecco allora l’ idea di scrivere questo post, sperando possa aiutarvi ad avere le idee un po’ più chiare sulla scelta della vostra prossima destinazione!

Cartelli destinazioni come scegliere città

1- GIORNI A DISPOSIZIONE PER IL VIAGGIO

Primissima cosa da valutare, ovviamente, è il tempo che si ha a disposizione per questo viaggio. Questo comporta una divisione netta tra luoghi remoti e distanti in cui si ha bisogno di almeno una decina di giorni a disposizione, e città vicine, possibili da visitare in qualche giorno. Poi magari se anche si ha una settimana a disposizione si preferisce non allontanarsi troppo ma dedicare tutta la settimana alla visita di una città da cima a fondo. Dopo questa obbiettiva valutazione, si può passare allo step successivo.

2-BUDGET A DISPOSIZIONE

Altra importantissima cosa da valutare è il budget che avete a disposizione. In quanto si sa, alcune città sono molto care rispetto ad altre e ritrovarsi in una città costosa in cui non si riescono a visitare le attrazioni principali per via del loro costo, non è il massimo. Valutate quindi con attenzione, il costo della vita delle città scelte, il costo degli alloggi per il pernottamento, il costo delle attrazioni da visitare e il costo per eventuali extra, mezzi di trasporto ecc. Ovviamente, si possono poi trovare delle soluzioni per risparmiare, come ad esempio i voucher 2×1 di cui vi ho parlato nel mio articolo su Londra, che vi permettono di rientrare non poco nelle spese del viaggio.

3-PERIODO DELL’ ANNO

Valutare con attenzione il periodo dell’ anno in cui scegliere di viaggiare o in cui avete la disponibilità per partire è uno dei passi principali. In alcuni mesi dell’ anno alcune città danno il meglio di se. Sotto Natale città come Parigi o Londra sono meravigliose, o in primavera Amsterdam con i suoi tulipani fioriti o Barcellona con le sue belle temperature calde a Maggio sapranno rapirvi il cuore! Ovviamente se dovete stare attenti al vostro budget come dicevamo nel punto 2. Un’ ottima soluzione per risparmiare, è quella di andare “fuori stagione”, o in lontananza da eventi o feste importanti della città.

4-TEMPERATURE

Altro passaggio importante da valutare sono le temperature. Andare in città molto fredde a Dicembre non è da tutti e per tutti. Alcuni viaggiatori amano le città o i luoghi nordici per via del loro clima freddo e pungente, l’ atmosfera che crea la neve o l ‘aria che si respira! Altri invece sono amanti del sole e del caldo. E anche se a Febbraio non si può comunque pretendere di andare a Madrid  e di trovare 20°, di sicuro la temperatura sarà ben diversa da quella di Copenaghen! Ognuno di noi in cuor suo, ha delle preferenze climatiche, sta a voi decidere se seguirle o meno.

5-DURATA DEL VOLO

Se si hanno pochi giorni a disposizione, 3 o 4, giusto per un piccolo week end per staccare la spina, non conviene inoltrarsi in un viaggio dove, per poter raggiungere la destinazione scelta, ci vogliono magari 5-6 ore di volo. Sarebbe tempo “sprecato” e tolto alla visita della città. Valutate con attenzione quindi, quanto distano da voi le destinazioni nella lista delle vostre Preferite.

6-CULTURA E SITI STORICI

Ecco, queste due categorie le ho riunite in unico punto, in quanto il concetto di base è uno solo: ogni città ha un suo stile, una sua cultura, un determinato modo di vivere da parte degli abitanti. E il bello di un viaggio è anche, a mio avviso, sopratutto questo. Scoprire e conoscere la storia di un luogo, le sue origini, entrare in contatto con il suo popolo e le sue tradizioni. E’ quindi scontato trovare delle affinità con la destinazione scelta, essere incuriositi ed emozionati all’ idea di vivere la città! Magari siete anche solo interessati a vedere un Museo famoso, che so, il Louvre a Parigi, per le opere d’ arte che ospita che sono di vostro interesse e con la “scusa” avrete modo di vedere anche la città che lo ospita. Questo punto anche se l’ ho lasciato per ultimo ha comunque un’ importanza piuttosto rilevante!

Viaggiare dove

Questi sono i passaggi principali, secondo me, che dovete valutare ogni qual volta siate indecisi su quale sia la meta giusta del vostro viaggio. Ovviamente non vi assicuro una buona riuscita dell’ operazione (io sto ancora scegliendo tra le 2 città di cui vi ho accennato a inizio articolo), però sicuramente vi aiuterà a schiarirvi le idee e ad avere un quadro un po’ più lineare della situazione. Un altro consiglio che ci tengo a darvi è forse il più importante. Noi che amiamo viaggiare, sappiamo quanto sia importante scoprire ed esplorare nuovi posti e farci trasportare dalle emozioni che quel luogo ci suscita, a prescindere che siano emozioni positive o in contrasto tra loro. L’ importante è averle provate quelle emozioni, aver aperto gli occhi su qualcosa che prima non conoscevamo. Perché l’ importante non è la meta ma il viaggiare in se. E se alla fine siete ancora indecisi…lasciatevi guidare dal vostro istinto.

Travel

 

You might also like

Comments (4)

  • Gipsy 11 mesi ago Reply

    Prima di prenotare per Vienna a fine aprile sono passata per Stoccoloma, Oslo, Helsinki, Tallin e Copenhagen. alla fine Vienna mi permetteva di avere orari dei voli adeguati ai 3 giorni. A volte la scelta è obbligata anche da questo 🙁

    thewoolplaid 11 mesi ago Reply

    E si, a volte le scelte sono “obbligate”.. spero almeno ti sia piaciuta Vienna !! 😉

    Gipsy 11 mesi ago

    Non ci sono ancora andata! ti farò sapere!

    thewoolplaid 11 mesi ago

    Va benissimo ! Mi racconterai !

Leave a Reply