Lungo i canali di Amsterdam

Canale Singel Amsterdam

Era da tempo che aspettavo di visitare questa città. Complici anche i vari elogi sentiti su di lei, le mie aspettative erano piuttosto alte. Ne sono rimasta lo stesso sorpresa e affascinata. Perché si, Amsterdam è proprio come te l’aspetti e anche di più, è un mix di modernità e storia.

Passeggiando tra le sue vie e lungo i suoi canali non puoi fare a meno di notare quanto la città sia in fermento ma al tempo stesso silenziosa e rilassante. Basta svoltare l’angolo e sei in un altro mondo, fatto di gente che si sposta in bicicletta o lungo i canali con le tante barche. Amsterdam non è una città per tutti. È una città capace di accogliere il viaggiatore che lascia dietro se i pregiudizi e si lascia trasportare da ciò che la città ha da offrire: la sua semplicità.

Scorci di Amsterdam

Abbiamo pernottato presso l’Hotel Dwars. Delizioso hotel nella zona meridionale dei canali, vicino alla Museumplein, la famosa zona dei Musei della città che comprende il famoso Van Gogh Museum, il Rijksmuseum e lo Stedelijk Museum. Ben collegato con l’aeroporto è un punto perfetto per iniziare a scoprire Amsterdam! È un quartiere tranquillo e molto suggestivo. In ogni angolo puoi trovare gustose pasticcerie e negozi d’ arredamento.

Oltre agli immancabili ponti in mattoni e canali che qui offrono il loro meglio. Nel quartiere troverete anche la famosa Rembrandtplein, piazza fulcro della città e ritrovo dei cittadini. Nella zona avrete anche l’imbarazzo della scelta per i numerosi ristoranti presenti. Qui si trova anche il famoso ponte Magro in legno, bellissimo la sera illuminato!

Il Joordan rimane comunque il mio quartiere preferito. Così caratteristico, è impossibile resistere a scattare una foto dietro l’altra. Perché si, ad Amsterdam è così. Ogni scorcio è da cartolina. Ma qui al Joordan si ha il meglio. Casette antiche particolarmente storte su meravigliosi canali, da cui poter ammirare un susseguirsi di ponti. Tutto è molto romantico.

Nel quartiere è presente anche la famosa Anne Frank Huis, ovvero il rifugio segreto in cui Anne e la sua famiglia si nascosero durante la Seconda Guerra Mondiale. Avendo finito di leggere i suoi diari poco prima del viaggio ad Amsterdam, la visita per me è stata parecchio emozionante e commovente. In quanto hai modo di poter almeno lontanamente percepire come possano aver vissuto quegli anni di reclusione nell’appartamento buio e dagli spazi ridotti. Consiglio di prendere i ticket d’ingresso da casa con largo anticipo onde evitare di non riuscire ad entrare!

Una volta usciti dalla visita, passeggiate perdendovi tra le vie del quartiere. Fermandovi in uno dei tanti cafè sui canali, con i tavolini all’ esterno gustandovi un pranzo leggero al sole. Il Joordan è particolarmente caratteristico la sera, quando le luci delle abitazioni e dei ponti sono accese e creano un effetto mistico riflettendosi sui canali.

Sui numerosi canali noterete molte barche, piuttosto grandi e con particolari verande. Si, sono abitazioni. In tutta Amsterdam ce ne sono circa 2500 di case galleggianti, e infatti il loro valore è alle stelle, perché non è più consentito aggiungerne di nuove. I canali ne sono già pieni!! Sbirciate qua e la tra le finestrelle, alcune sono anche dei B&B!

Imperdibile in pieno centro, il Bloemenmarkt, ovvero il più famoso mercato dei fiori esistente. Una decina di negozi galleggianti (il mercato è sulle chiatte che galleggiano sul canale Singel) che vendono qualsiasi cosa abbia a che fare con i fiori. Dagli immancabili fiori freschi, tulipani in primis, a bulbi di ogni specie di fiore. Oggettistica souvenir quali calamite, portachiavi ecc. Noi ovviamente non potevamo non portare a casa tantissimi bulbi di tulipani da piantare in autunno!

Da questo punto, partono le più frequentate vie del centro città. Le vie dei negozi, le famose 9 straatjes, ovvero le 9 strade dove si concentrano numerosi negozi nelle vie intorno ai 3 canali principali: il Prinsengracht, il Keizersgracht e l’Herengracht. Via allo shopping allora! Poco lontano da qui sorge anche il cuore della città ovvero Piazza Dam con il suo Palazzo Reale e il famoso museo delle cere Madame Tussauds. Qui è un via vai di turisti che rendono questa zona particolarmente affollata.

Poco lontano anche due famose chiese la Nieuwe kerk e la Oude Kerke a nord della piazza. A sud troviamo invece il Begijnhof, pittoresco cortile nascosto. Qui nel trecento vivevano le beghine, ossia donne religiose che dedicavano la loro vita ad aiutare i più bisognosi. Sinceramente non mi ha entusiasmato, ma essendo molto particolare una visita è consigliata se siete in zona.

Ed ecco che risalendo verso nord arriviamo al fantomatico Red Light District. Molto frequentato sopratutto la sera da gruppi di ragazzi giovani e molti turisti, intenti ad sbirciare le vetrine, appunto con le luci rosse, in cui ci sono le signorine che attendono i loro clienti. Di giorno la zona è invece molto easy, sempre più frequentata rispetto ad altre zone ma completamente diversa rispetto alla sera. Qualche via più avanti, il quartiere si trasforma in Chinatown. Intere vie fiancheggiante da negozi e ristoranti prevalentemente asiatici. Qui troverete anche un tempio buddista, in cui vengono regolarmente celebrate funzioni o visite guidate!

Arriviamo cosi alla Nieuwmarkt. La piazza dove sorge l’antico peso cittadino: la Weing House. Antica porta d’ingresso alla città, è anche la piazza dove sorge uno dei mercati di frutta e verdura più famosi del centro! Intorno alla piazza molti ristoranti e pub dove divertirsi durante le vivaci serate nel quartiere. Poco lontano, troviamo poi la Rembrandt Huis, ovvero la casa dove il pittore Rembrandt visse molti anni della sua vita. Ora diventato un museo molto frequentato in cui potrete rivivere la sua storia.

Imperdibile una crociera nei canali! Noi abbiamo preso una barca della compagnia Lovers.  Con una crociera di un’ora, abbiamo potuto ammirare da un’altra prospettiva i canali di Amsterdam e le sue splendide casette. Il molo di partenza lo trovate di fronte alla Central Station, da qui partono anche altre compagnie!

La bellezza di Amsterdam sta nel fatto che nonostante le flotte di turisti, gli abitanti e i mille negozi riesca lo stesso a mantenere la sua autenticità. Lo senti nell’aria. Infatti l’Olanda è tra gli Stati meno inquinati d’Europa. Grazie all’uso costante delle biciclette, che sono il principale mezzo di trasporto degli olandesi. Lo senti dal fatto che in ogni caso, per quanto possa essere una città trasgressiva per via della prostituzione o dei coffe shop, tutto sia legale e ben organizzato. Non l’ho trovata per niente una città pericolosa. Al contrario trasmette un senso di sicurezza e tranquillità, sopratutto considerato il passato trasgressivo e decadente di una ventina di anni fa. 

La cosa che più ho amato di questo viaggio sono state le case di Amsterdam. Hanno avuto un certo fascino su di me, così antiche, così caratteristiche e così storte. Le casette sono in pendenza per agevolare il trasporto di carichi da un piano all’ altro della casa. Impossibile in altro modo se non dall’esterno per via delle ripide e strette scale interne delle abitazioni. Un altro motivo per cui sono storte è che essendo state costruite su un terreno paludoso, negli anni parecchie si sono inclinate spontaneamente! Ne ho viste alcune storte in modo impressionante!!

La città ha anche un cuore verde, che è il famoso Vondelpark, a sud della Museumplein. Qui potrete prendere il sole nelle belle giornate e rilassarvi durante il pomeriggio. A un’ora di distanza si trova il Keukhenof, il più grande parco di fiori d’ Europa di cui vi parlerò nel prossimo post. Merita davvero un’articolo tutto suo, imperdibile!

Tante sono le cose che ci sarebbero da dire su questa città multiculturale, green e amichevole. Il mio consiglio è di organizzare presto un viaggio per poterla ammirare con i vostri occhi. Per poter comprendere perché io ci abbia lasciato un pezzetto di cuore.

 

 

You might also like