Lisbona tra azulejos e tram

Lisbona

Lisbona non ha mezze misure, o la ami o non la ami. È una città dalle grandi vedute, di panorami unici e viste dall’alto incredibili. Durante un viaggio in questa città una delle cose che più si vedranno saranno indubbiamente i suoi tetti rossi.

Perché Lisbona va vissuta dall’alto dei suoi miradouro, dalla cima delle scalinate nell’Alfama e dall’interno dei tram che si inerpicano su stradine in salita strettissime. Lisbona è una città da vivere a piedi, esplorando ogni via, ogni paesaggio a cui ci troviamo di fronte senza tralasciare nulla, perché ogni suo lato ha qualcosa da offrire.

Tram Lisbona

Lisbona è una città luminosa e solare, così come i suoi abitanti, sempre sorridenti e cordiali, ma è anche una città che è rimasta intrappolata negli sfarzi del glorioso passato. E tra i meravigliosi edifici adornati dalle più belle azulejos, dai mille colori e dalle mille fantasie, si trovano palazzi decadenti. Una città tanto accogliente quanto malinconica, questo è quello che si percepisce vivendola.

Alfama

A Lisbona ogni quartiere si differenzia notevolmente dall’altro. Basti pensare che il quartiere dell’Alfama è il più antico della città, nonché l’unico rimasto intatto dopo il famoso terremoto con conseguente tsunami del 1755. L’Alfama è la Lisbona che tutti immaginiamo, case colorate con panni stesi ad asciugare al sole, porticine d’ingresso in legno usurate e scalinate che si incrociano con altre. È qui che bisogna perdersi seguendo la strada che più ci ispira, senza un itinerario preciso.

Quartiere Alfama a Lisbona

Le azulejos sono uno dei particolari che differenzia il Portogallo dal resto dell’Europa, poiché queste piastrelle in ceramica decorate con le più svariate tonalità e fantasie sono tipiche di questa zona. Nell’Alfama cosi come nel Bairro Alto scorgerai meravigliose case rivestite completamente da queste piastrelle uniche, nei toni dell’azzurro o del verde. Io me ne sono pazzamente innamorata.

Ma nell’Alfama non si trovano solo abitazioni, qui tra le molte caffetterie e negozietti, si trovano anche i punti panoramici più belli della città. Il primo è il Miradouro de Santa Luzia, una terrazza adornata da azulejos blu e bianche che regala una vista magnifica sul mare e sui tetti rossi della città. In una giornata di sole, è assolutamente imperdibile.

Miradouro de Santa Luzia Lisbona

L’altro punto panoramico, in cui avere la classica vista dall’alto che avrete visto spesso nelle guide turistiche, si trova un paio di salite sopra il Miradouro de Santa Luzia ed è la terrazza das Portas Do Sol. Qui le case colorate, il mare e i tetti rossi, offrono uno spettacolo ed una vista unici.

Porta do Sol Lisbona

Il Bairro Alto

Il Bairro Alto si trova in una zona rialzata rispetto al quartiere centrale di Baixa, ed è ad oggi il quartiere più eccentrico. Anni fa fu il quartiere benestante di Lisbona, ora è un quartiere folcloristico e giovane. Le serate nel Bairro Alto sono all’insegna del divertimento nei tanti locali serali che offrono spettacoli di fado e musica fino a notte fonda.

Bairro Alto Lisbona

Molto caratteristica l’Elevador da Bica, una funicolare realizzata nel 1892 ed ancora funzionante. Da provare almeno una volta per salire fino al cuore del Bairro Alto e perdervi alla scoperta del quartiere passeggiando per i suoi continui saliscendi. Perché a Lisbona una cosa è certa, le salite non mancano!

Questo Bairro è forse il quartiere in cui si respira maggiormente la nostalgia che aleggia in città, quasi come se fosse sospeso nel tempo. E questa sensazione è davvero particolare da descrivere, perché è incredibile come una città possa essere luminosa e solare quanto malinconica. Probabilmente è proprio questo ciò che affascina di Lisbona.

Elevador da Bica Lisbona

Il cuore di Lisbona

Il centro storico di Lisbona trova il suo apice nei quartieri Baixa e Chiado, affacciati sul Tago. Qui si trovano maestose piazze collegate tra loro da ripide stradine con vista mare e resti della vecchia Lisbona. Questo è il quartiere ricostruito dopo il famoso terremoto. Il maestoso Convento do Carmo (o perlomeno i suoi resti) ricorda ogni giorno ai Lisboneti questa grande tragedia, di cui ben poco è rimasto a rappresentare la città.

Piazza Lisbona

Scendendo verso il mare si arriva sulla Rua Augusta, la centralissima via ricca di negozi e café dove ho potuto gustare il famoso Pastel de Bacalhau, ovvero delle polpette di baccalà e formaggio molto saporite. Imperdibile il panorama dall’alto dell’Arco de Rua Augusta, una vista a 360° sul fiume, sulle case di Lisbona fino al Castello de Sao Jorge e più a Ovest verso il Ponte de 25 de April.

L’Arco de Rua Augusta si affaccia sulla principale piazza di Lisbona ovvero la Praça do Comércio. Prima del terremoto qui sorgeva la piazza del Palazzo Reale Ribeira, ora è un punto di ritrovo per turisti e portoghesi.

Arco de Rua Augusta Lisbona

Se la vista dall’alto dell’arco non bastasse, questo quartiere offre molti altri miradouro, tra cui l’Elevador de Santa Justa, un’ascensore panoramico che svetta subito dietro il Convento do Carmo, sempre affollatissimo ma da cui godere di un panorama che lascia sempre senza parole.

I tetti rossi sono l’attrazione principale della città.

A Lisbona c’è anche una vera e propria strada rosa, super fotografata ovviamente, proprio in una delle vie più vivaci della città, in cui spiccano locali serali e ristoranti di tendenza. La via è Rua Nova do Carvalho e la strada è questa qui in foto, che dite è abbastanza rosa?

Pink Street Lisbona

Tram e street art

Due cose non mancano a Lisbona: la prima sono i numerosi tram che viaggiano per le ripide strade della città. L’altra è la street art, molti sono infatti i graffiti che adornano le pareti degli edifici in ogni quartiere.

I tram sono uno dei mezzi che i lisboneti usano più spesso per muoversi in città ogni giorno. Così come il tram 28, diventato ormai famoso per il suo percorso che passa in alcune delle zone più belle della città. A mio avviso se volete provare un tour su questo tram fatelo il primo giorno a Lisbona, in modo da avere un quadro della città e decidere in seguito in quali luoghi tornare.

La street art di Lisbona è oramai parte integrante della città, ed esiste un vero e proprio museo a cielo aperto nel Bairro Alto dove poterli ammirare. Quest’arte è diventata talmente importante a Lisbona da farle meritare il primato tra le città europee.

Street Art a Lisbona

Oltre la città

Oltre il centro storico della città, spingendosi verso il mare aperto, si trovano alcune delle più importanti attrazioni di Lisbona: la torre di Belém e il Monastero dos Jerónimos.

Entrambi questi edifici storici sono Patrimonio UNESCO e, inutile dirlo, qui si respira un’aria diversa rispetto al centro cittadino, un’aria di mare.

Sarà che io li ho vissuti in un giorno di forte vento ma grazie alle onde che si infrangevano sulla torre di Belém e il cielo di un azzurro incredibile, l’atmosfera era quasi surreale.

Torre de Belém Lisbona

Il Monastero è stato una vera scoperta, potevo immaginare quanto era affascinante ma non pensavo che una volta li mi avrebbe sorpresa a tal punto. Il chiostro con i suoi archi meravigliosi, le decorazioni manueline e il colore che assume la pietra del monastero al sole, è una delle cose che più mi hanno conquistata.

Qui a Belém si trova l’originale pasticceria che produce le famose Pastel de Nata, i dolcetti tipici portoghesi, assolutamente imperdibili. Anche in centro Lisbona, ovviamente, troverete pasticcerie che vendono questo prodotto tipico con crema catalana e cannella.

Rientrando verso il centro di Lisbona si può ammirare l’imponente Ponte de 25 de Abril, la copia del Golden Gate di San Francisco, costruito per l’appunto da un’impresa americana nel 1962. L’impatto che si ha passando nelle vicinanze del ponte è alquanto suggestivo, per un attimo vieni trasportato in California.

Mosteiro dos jeronimos Lisbona

Cosa vedere con qualche giorno in più a disposizione?

Il Castelo de Sao Jorge è tra le prime cose che vedrei se avessi del tempo libero. A me non ha entusiasmato molto, forse le mie aspettative erano alte, ma le viste panoramiche che si hanno dal belvedere e dalle torri del castello meritano una visita.

In una mattina di pioggia ho optato per una visita al Museo nazionale delle azulejos che si trova in una zona decentrata rispetto al centro della città ma comodo da raggiungere con i mezzi. Il museo è molto grazioso, è ospitato in un ex convento ed oltre alle esposizioni nelle varie sale di diverse azulejos dipinte nei vari secoli. Dal suo interno si accede alla Igreja da Madre de Deuas, una chiesa barocca decorata con azulejos azzurre e bianche che raffigurano scene di vita quotidiana.

Castelo de sao Jorge Lisbona

Informazioni utili

Lisbona è una città piuttosto piccola, piacevole da visitare a piedi visto la poca distanza tra le attrazioni di maggiore interesse. La Metro è disponibile in alcune zone della città, tranne ovviamente nell’Alfama, raggiungibile a piedi o con i tipici tram.

Il costo per le varie attrazioni è davvero irrisorio, considero la città piuttosto economica, rispetto ad altre capitali europee. Prenotate con largo anticipo l’hotel o l’appartamento in cui volete soggiornare perché Lisbona negli ultimi anni è diventata una meta molto frequentata. Io ho alloggiato in un hotel a poca distanza dalla Praça do Comércio, in una zona centralissima e a due passi da tutto. In caso di un secondo viaggio a Lisbona opterei però per un appartamento nel quartiere dell’Alfama, più caratteristico e colorato.

Insomma Lisbona è sicuramente tra le città che più mi sono piaciute, merito dell’atmosfera, delle vedute da cartolina e della sensazione di tranquillità e sicurezza che ho provato.

Penso di tornare presto a visitarla, magari in occasione di un road trip in Portogallo, uno dei viaggi nella mia bucket list!

You might also like