Santa Monica e Venice Beach: la California che hai sempre sognato

California

Quando organizzai il tanto desiderato viaggio on the road in California, faticavo a credere di essere realmente sul punto di partire per realizzare un sogno. Avete presente quella sensazione di felicità mista ad ansia per qualcosa di nuovo che sia un viaggio o quant’altro che sta per succedere? Beh allora se l’avete provata anche voi almeno una volta nella vita, sapete quanto questa emozione possa aumentare man mano che i giorni passano e l’evento si avvicina.

Sono partita per questo viaggio con alcune idee e pensieri e sono tornata con nuove consapevolezze e una gran voglia di tornare in questo stato dorato che mi ha regalato emozioni uniche! Perché la California ti entra dentro. Si fa spazio anno dopo anno nel tuo immaginario grazie a film, serie tv e libri, per poi accoglierti come si accolgono vecchi amici che non vedi da tempo.

Perché gli americani che ho conosciuto io sono persone estremamente cordiali e socievoli, disponibili e di grandi vedute. Un popolo che mi ha spiazzato per il dono di farti sentire parte della comunità.

Tra i luoghi iconici di questo viaggio e che scalpitavo dalla voglia di vedere c’erano sicuramente Santa Monica e Venice Beach, quelle che nell’immaginario comune sono le classiche spiagge californiane. Immense, bagnate dalle grosse onde dell’Oceano Pacifico e ricche di torrette dei guarda spiaggia (si, proprio quelle che vediamo nei film!).

Santa Monica e Venice Beach sono state gioia pura.

California Pier Santa Monica

California 2018

Il sogno americano: Santa Monica

Los Angeles è costituita da tanti paesi ben distinti l’uno dall’altro da diversi fattori e caratteristiche, Santa Monica è la città nella città.

A Santa Monica la prima cosa da fare è in assoluto passeggiare per il suo Pier, turistico al punto giusto, mai eccessivo. Il Pier di Santa Monica è quello che sicuramente hai visto tante volte nelle foto ricordo di qualche amico o su qualche rivista. È indimenticabile perché su di esso si trova la famosa ruota panoramica con annesso luna park.

La ruota panoramica di Santa Monica è ben più di una giostra, è un simbolo di questa spiaggia, della California stessa. Durante tutta la giornata turisti e cittadini si divertono dall’alto della ruota ad ammirare l’Oceano e il cuore della città. Sul Pier si trovano anche negozi di souvenir e ristoranti, dai fast food alle caffetterie. Passeggiare fino alla fine del molo è d’obbligo, anche se il vento soffia forte e la temperatura pomeridiana è frizzantina. Sul molo si trova l’iconico cartello bianco che segna la fine della leggendaria Route 66 che attraversa il cuore degli Stati Uniti sino ad arrivare a Santa Monica.

California Route 66

Avrete sia alla vostra sinistra che alla vostra destra la spiaggia di Santa Monica che si apre sotto di voi in tutta la sua grandezza. Qui troverete gente intenta a rilassarsi al sole, a fare immancabilmente surf, dai più grandi ai più piccoli e famiglie che giocano sul bagnasciuga. L’acqua dell’Oceano è particolarmente fredda, ma questo dettaglio non sembra influire sui californiani quanto ha influito su di noi!

Una delle cose che più mi ha entusiasmato è stato vedere finalmente da vicino le torrette dei guarda spiaggia. Quelle viste tante volte in serie tv anni ’90 (vedi anche Baywatch) e che rendono alla perfezione l’idea di sogno californiano. Queste torrette in legno, per la maggior parte azzurre, durante la giornata sono sede dei bagnini che tengono sotto controllo le acque selvagge del Pacifico. Prima del tramonto sono però il set ideale per una foto di rito, immancabile, da fare scalzi e con il vento tra i capelli.

Santa Monica non ha solo la spiaggia e il Pier, ha anche un cuore commerciale che si trova sulla Santa Monica Boulevard, composto da bei negozi sportivi e ristoranti. Se cercate un posticino dove fare colazione o bere semplicemente un cappuccino matcha che tanto va di moda qui, vi consiglio Hurt. Si trova in una bella via tranquilla poco lontano dalla spiaggia, ed è frequentato da gente del posto, noi ci siamo sentiti a casa ogni mattina a colazione.

A Santa Monica abbiamo alloggiato in un Beach bungalow di un quartiere residenziale. Costituito dalle classiche casette basse in legno dai colori pastello, con i vialetti per parcheggiare l’auto e senza cancelli e staccionate. Questi quartieri regalano alla perfezione la sensazione di libertà di cui si ha bisogno durante questo tipo di viaggio, data la tranquillità che si respira sin dalle prime ore del mattino.

Santa Monica è tra i luoghi che più mi sono piaciuti durante questo viaggio. Ci ha accolto, ci ha fatti sentire a casa e indubbiamente è tra tutti i paesi che abbiamo visitato durante il viaggio, quello che più si addice alla nostra personalità.

Ci manca moltissimo.

Santa Monica California

Pier California

Venice Beach: il cuore alternativo della California

A pochi passi da Santa Monica si trova Venice, raggiungibile tramite la lunga pista ciclo pedonale che le collega.

Venice Beach è quella che si definisce la zona più provocatoria di Los Angeles. Questo perché lungo il Venice Boardwalk, il lungo viale fronte oceano in cui si passeggia, si ha modo di trovare qualsiasi dettaglio alternativo cerchiate.

Dalle colorate pareti degli edifici, decorate con bellissimi graffiti che rappresentano arti grafiche o pura fantasia. Agli studi di tatuaggi e piercing, ai venditori di strada, alle palestre all’aperto come la Muscle Beach. Qui si trovano le iconiche palme altissime da cui ammirare gli incredibili tramonti californiani, dove scattare mille foto tutte simili ma di cui non ti stancheresti mai.

California pura.

Venice California

California Venice beach

La street art di Venice in California

Venice è difficile da descrivere, o la ami o la odi, non lascia vie di mezzo. Io l’ho amata.

Non solo per le immense spiagge ma anche per il lungo Abbot Kinney Boulevard, il viale in cui si trovano localini di tendenza e negozi di abbigliamento e arredamento alternativi. Avrei comprato tutto. Per una pausa merenda o un aperitivo vi consiglio The Butcher’s Daughter, una caffetteria-ristorante vegetariano in cui servono spettacolari succhi di frutta!

Vi siete chiesti come mai si chiami Venice? La risposta è semplice, qui si trovano alcuni canali attraversati da caratteristici piccoli ponti, che ricordano la nostra amata Venezia. Se amate la fotografia non perdetevi i bellissimi cottage fronte canale, uno più fotogenico dell’altro.

Venice è hipster, trasgressiva e vivace.

Due zone della Socal in cui ho trovato la California dei sogni, quella del mio immaginario, quella che tra tante motivazioni mi ha spinta a intraprendere questo viaggio.

Palme, oceano, sabbia, street art e libertà.

Questo le differenzia da ogni altro luogo e questo le rende uniche.

Le case a Venice California

Palme a Venice Beach California

 

You might also like