San Francisco, la città dai mille colori

San Francisco mille colori

Tra i buoni motivi che spingono a visitare una città come San Francisco, ci sono indubbiamente il famoso Golden Gate Bridge, c’è il fatto che si dica sia la città più europea di tutta l’America e ultimo ma non ultimo è una città ricca di vita e opportunità.

Basti pensare a quanto differenti siano tra loro i quartieri che la compongono. Qualsiasi cosa cerchiate, qui la troverete. San Francisco è una città vitale, energica, frizzante (e non solo per le sue temperature), ricca di bellezza e molto, molto affascinante. Il suo fascino sgorga da ogni dove, dai suoi cable car che si inerpicano su per le ripide strade, dal profumo di cibo che trapela da ogni ristorante, dall’emozione che regala la vista sul Golden Gate avvolto dalla nebbia. San Francisco è una città in cui di sicuro non ci si può annoiare.

Una cosa che ho trovato incredibile è come si possa trovare tranquillità e solitudine, allontanandosi solo di qualche metro dalle vie principali. Si viene catapultati direttamente in un altro mondo, composto da belle casette vittoriane e da verdi parchi.

Che siate già stati in questa città o ancora non l’abbiate vista, non temete, è ancor più di quello che immaginate.

San Francisco centro città

La città dalle infinite sfumature

San Francisco è tra tutte le città visitate in questi anni, probabilmente la più dinamica e alternativa. Questa è la patria della Summer of Love, il celebre movimento che esplose nel 1967 nel quartiere di Haight-Ashbury, all’insegna di pace, amore e libertà che diede a San Francisco quel tocco hippie che l’ha resa unica.

Haight-Ashbury è un quartiere incredibile.

La via principale, la Haight street potrebbe essere definita la via più colorata che abbia mai visto! Qui tra originali negozi, caffetterie e vetrine super colorate, vi sentirete teletrasportati negli anni ’60. Passeggiando per questo viale, si trovano anche molti murales storici inerenti il periodo della Summer of Love.

Summer of Love di San Francisco murales
Haight-Ashbury San Francisco

A pochi passi da questa strada, si trovano alcune tra le più belle case di tutta la città: le Four Seasons. Queste casette vittoriane sono di una bellezza unica, così simili ma allo stesso tempo diverse tra loro da lasciare quel non so che in chiunque le veda. Si tratta di quattro case “gemelle”, costruite intorno alla fine del 1800, la particolarità sta nel fatto che rappresentino ognuna una delle quattro stagioni. Credetemi se vi dico che ammirarle dal vivo, dopo tanto tempo viste solamente in fotografia, è incredibile.

Four seasons San Francisco

Case vittoriane

Il quartiere confinante con Haight-Ashbury, ovvero Lower Haight è un tripudio di Manson vittoriane da fotografare una ad una, sopratutto per la diversità con cui si differenziano l’una dall’altra, e non parlo solo di colori. Ogni casa ha qualcosa che la rende diversa, che sia la fantasia con cui è decorata, o lo la scalinata d’ingresso, queste sono le cose che rendono San Francisco incredibilmente unica. Da non dimenticare le famose Painted Ladies, le case vittoriane color pastello affacciate sul verde Alamo Square Park, da cui si gode di un’incredibile vista sui grattacieli del cuore finanziario di San Francisco. Non a caso la via in cui si trovano si chiama Postcard Row!

Painted Ladies San Francisco

Case a San Francisco

Questo è tra i quartieri che si sono salvati durante il terribile terremoto che ha colpito la città nel 1906 e ha portato ad un disastroso incendio che ha bruciato quasi interamente il centro della città. Gli abitanti di San Francisco trovarono rifugio nel parco, non raggiunto dalle fiamme.

Un’oasi verde

Se cercate un po’ di tranquillità dal caos cittadino, il Golden Gate Park, fa al caso vostro. Un’immensa oasi verde poco più grande di Central Park a New York che ospita tantissime attività e attrazioni. Dallo Stow Lake, un parco bellissimo con cascate e pittoresche colline, al San Francisco Botanical Garden. Il Japanese Tea Garden è invece un’incredibile giardino giapponese, nel cuore del parco, in cui immergersi in questa magnifica cultura, tra ruscelli abitati da Carpe Koi e suggestivi ponticelli in legno. Qui, nella casa del Te, si può scegliere se riscaldarsi dalla fresca temperatura cittadina con un te verde o con una zuppa di miso, o gustare qualche prelibatezza giapponese.

Pagoda al Japanese Tea Garden San Francisco

Ponte di legno Japanese Tea Garden San Francisco

Poco fuori questo meraviglioso (e indimenticabile) parco, si trova un punto panoramico d’eccellenza, ovvero Baker Beach. Questa lunghissima spiaggia, non è di certo conosciuta per la sua attività balneare, bensì per la vista mozzafiato che offre sullo spettacolare Golden Gate Bridge.

Arrivando dalla strada principale, si scorge il ponte in lontananza e pian piano che ci si avvicina ci si rende conto di quanto grande sia. Da qui, sembra quasi irreale. La sensazione che ho provato è incredibile, un mix di emozione, mista ad adrenalina e incredulità. Perché trovarsi di fronte ad un simbolo di questa portata qual è il Golden Gate, visto sin da bambina in tantissimi film, è difficile da spiegare. Nonostante il forte e pungente vento freddo, che ci ha accompagnato per tutta la permanenza sulla spiaggia, il Golden Gate avvolto tra la nebbia è tra i ricordi più belli di questo viaggio.

Golden Gate Bridge da baker Beach San Francisco

Il cuore cittadino

Lasciando alle spalle il magnifico ponte color arancione, i quartieri del centro di San Francisco, offrono qualsiasi cosa cerchiate. La piazza di Union Square, fa da calamita agli amanti dello shopping, trovandosi tra le vetrine dei marchi di alta moda, tra gli hotel di lusso e il gettonato Apple Store. Non dimentichiamo che San Francisco è la patria della tecnologia e dei social media, qui si trova il quartier generale di Twitter, e a poca distanza, nella Silicon Valley, Google e Facebook trovano la loro residenza.

I grattacieli del Financial District si innalzano alle spalle di Union Square, dove per un attimo si ha la sensazione di trovarsi in un’altra città, così lontana e diversa da quella composta dalle case vittoriane. Percorrendo il quartiere si arriva al Ferry Building Market, all’interno dell’omonimo edificio. Qui nella struttura portuale si possono gustare delizie da ogni parte dello stato e oltre, con vista panoramica sullo spettacolare Bay Bridge, ancor più bello la sera illuminato.

Financial District San Francisco

Centro finanziario a San Francisco

E poi passeggiando per le vie in continuo saliscendi (una vera fatica per chi come me è lontano anni luce dall’attività fisica!) si arriva all’ingresso del caratteristico quartiere di Chinatown, la porta del Drago, dove ad accoglierti ci sono negozietti, laboratori e ristoranti, gestiti interamente da persone di questa nazionalità.

Benvenuti a Chinatown

Chinatown mi ha colpita principalmente per questo. Per come sia incredibile il fatto di trovarsi in una comunità così ben insediata nella città, da aver creato un vero e proprio centro culturale. Non a caso, la comunità cinese a San Francisco risiede qui da moltissimi anni, da quando nel 1850 ci fu un’immigrazione di massa dalla Cina a San Francisco, ai tempi della corsa all’oro. Ben presto la popolazione si adattò, nonostante vennero emanate leggi anti-asiatiche per limitare l’afflusso di cinesi, e vennero oltremodo tolti loro gran parte dei diritti di cui necessitavano. A questo si aggiunse il famoso terremoto del 1906 che distrusse interamente il centro di San Francisco. La comunità cinese decise di restare e ricostruire le loro abitazioni e la loro vita.

Ciò che ora vediamo è il risultato del loro lavoro, e passeggiando per il quartiere, tra bellissimi murales, mercati e templi, si ha la sensazione di trovarsi da un’altra parte del mondo. Qui si trova anche la famosa fabbrica dei biscotti della fortuna, è possibile visitarla! Considerate che la comunità cinese a San Francisco è la più grande comunità asiatica in Occidente e la più antica di tutta l’America. Un vero gioiellino.

Al confine con Chinatown si trova, come spesso accade, Little Italy. Qui si trovano pizzerie e ristoranti italiani, siamo precisamente nel quartiere di Nob Hill.

Porta del Drago chinatown San Francisco

Murales a Chinatown San Francisco

Chinatown San Francisco

Lombard Street e i leoni marini del Pier 39

Dirigendosi verso il mare, troviamo ad attenderci tantissimi leoni marini. Ci troviamo al Pier 39, famoso appunto per la presenza costante dei leoni marini, che qui sono i protagonisti. Questo centro è sempre molto affollato di turisti e il mio consiglio è di non soffermarcisi a lungo, ma di passeggiare per la zona commerciale fino ad arrivare all’imbarco per Alcatraz se avete intenzione di visitarla. Ricordate di acquistare circa un paio di mesi prima, i biglietti per la visita alla prigione più famosa al mondo.

Pier 39 San Francisco

Con una bella camminata in salita si raggiunge un altro punto turistico della città di San Francisco: Lombard Street.

Lombard Street è una delle strade più fotografate della città, in quanto la sua particolarità sta nell’essere molto ripida e tortuosa. Per percorrerla in auto bisogna affrontare la strada a serpente (in discesa), e augurarsi di non finire nelle aiuole fiorite. Scherzi a parte, è una strada carina e super affollata di turisti, ma comunque da vedere.

Le strade limitrofe a Lombard Street sono secondo me le più pendenti della città. Incredibile come vengano affrontate ogni giorni da chi ci abita, senza problemi! A piedi, in macchina o con i cable car, comunque si decida di percorrere queste strade saranno indimenticabili. Da questa zona si hanno anche alcune viste cartolina del Golden Gate Bridge e dell’isola di Alcatraz, basta addentrarsi in strade poco trafficate e perdersi senza una meta precisa.

Case in pendenza a San Francisco

Lombard Street San Francisco

Vista su Alcatraz San Francisco

I quartieri più alternativi di San Francisco

Quando a inizio articolo ho deciso di intitolarlo “La città dai mille colori” è stato perché a San Francisco nulla è monotono e spento. La città è ricca di energia e di positività, emana vibrazioni costanti che stimolano chiunque si trovi qui ad apprezzarla sempre più. Non è una città come le altre.

Tra i quartieri che più mi hanno colpita per la loro vivacità, indubbiamente ci sono Mission e Castro. Questi due quartieri confinanti, non potrebbero essere più diversi tra loro, perché uno è il cuore della comunità latina in città e l’altro è il fulcro della comunità gay, il punto in cui ogni anno si celebra il gay Pride con la manifestazione in strada più colorata di sempre.

A Mission, fin dagli anni ’70, vengono dipinti colorati graffiti, un vero e proprio museo a cielo aperto! In questo quartiere si trovano tacos bar, negozi di abiti messicani e scuole di salsa. Per una pausa relax in una giornata di sole, il Dolores Park è il luogo ideale, da qui si ha una vista unica sulla città di San Francisco.

A pochi passi il quartiere di Castro, ci accoglie con le sue strisce pedonali multicolore, con le bandiere arcobaleno che sventolano nell’aria, con la sua anima entusiasta e pulsante da contagiare chiunque. Un quartiere da vedere assolutamente per respirare l’aria di libertà che lo rende speciale.

Mission District San Francisco

Mission District

Mission murales San Francisco

Mission District

Castro bandiere San Francisco

Castro

La città dalle infinite possibilità

Quello che colpisce di San Francisco è il suo spirito libero, la sua mentalità aperta e il suo rendere tutto possibile. In ogni quartiere ho apprezzato le sue peculiarità e differenze e la sua cultura. Ho capito cosa rende diversa e speciale questa città da riuscire a entrare nel cuore di chiunque la visiti. Per quanto le emozioni che mi ha trasmesso siano tante e diverse l’una dall’altra mi sento di consigliarvi assolutamente una visita qui se siete diretti in California.

E se cercate una foto ricordo da cartolina, attraversate il Golden Gate Bridge, che di per se è un’emozione unica ed indescrivibile e andate al vista Point di Sausalito, non ci sono parole per descrivere quanto la vista sul ponte da qui sia emozionante. Sembra di essere sospesi nel tempo.

Golden Gate da Sausalito San Francisco

 

You might also like