Da West Hollywood a Beverly Hills, due facce della stessa città

West Hollywood e Beverly Hills

Il mio viaggio in California è stato un’esplosione di emozioni, un sogno che finalmente viene realizzato, uno di quei viaggi che fatichi a credere di aver vissuto. Questo perché ho da sempre sognato le palme fronte oceano, il sole tutti i giorni, i moli visti nei film centinaia di volte e le lunghe spiagge che sembrano non finire mai.

Tra tutti i luoghi visitati durante il mio on the road sulla costa californiana, Los Angeles ha saputo trasmettermi qualcosa in più. Ho amato incredibilmente ogni città e luogo visto ma questa metropoli così frenetica e al tempo stesso easy mi ha conquistata. LA è un mix di culture, stili, volti, angoli, quartieri e molto altro che difficilmente si riesce a comprendere, il segreto sta nel non soffermarsi alle apparenze ma cercare di captare ciò che può offrire al viaggiatore.

Tra le zone di Los Angeles che più mi hanno lasciato un dolce ricordo, ci sono West Hollywood e Beverly Hills, due quartieri opposti, vicini ma lontani, con caratteristiche differenti ma da visitare assolutamente.

Melrose Avenue
Street Art a WeHo

L’animo estroso di West Hollywood

Per prima cosa mai confondere West Hollywood con Hollywood, sono due zone differenti di Los Angeles. WeHo è un quartiere, anzi una vera e propria città, dalla mentalità aperta, trendy e creativa dove poter trovare negozi ricercati e gallerie d’arte. Famosa per la sua storia passata, per essere la casa di noti locali frequentati da attori e famose celebrità del mondo del rock, West Hollywood non teme il giudizio di nessuno.

Il suo animo trasgressivo ed elettrizzante lo si percepisce ovunque, dalle vetrine affacciate sulla Sunset Strip e dai numerosi locali serali che affollano la zona, come il Viper Room, il locale che venne in principio acquistato da Johnny Depp. WeHo è anche aperta alla comunità LGBT, che qui risiede in gran numero.

Una delle zone più colorate di West Hollywood? Ovviamente Melrose District. Qui si trova tantissima street art. Sono molti infatti i murales che affrescano le pareti degli edifici circostanti e che richiamano temi importanti come la pace e la libertà di espressione. Ho apprezzato molto la vivacità e l’entusiasmo che aleggia nell’aria, l’arte e lo spirito versatile di questo angolo di Los Angeles. Impossibile resistere dal farsi fotografare con le famose ali dell’artista Colette Miller che affrescano alcuni angoli noti di Los Angeles.

Le ali di Melrose Avenue
Street Art a WeHo
Melrose Avenue
Street Art a West Hollywood
Murales a West Hollywood
Street Art a WeHO

West Hollywood è perfetta da scoprire a piedi, tra i numerosi negozi di abbigliamento, nei roofoop dei locali, tra i graffiti che adornano la gran parte delle pareti, per apprezzare ancor di più quello che è a mio avviso un quartiere ancora poco conosciuto dai turisti.

Beverly Hills, il sogno californiano

Non avrei mai pensato che un quartiere come Beverly Hills, prettamente residenziale e ricco di cliché, avrebbe conquistato così tanto il mio consenso. Di ritorno dalla mattinata a WeHo, ci siamo diretti qui, tra palme e sole cocente, a captare il classico sogno californiano, ovvero le super abitazioni della popolazione ricca di LA, e ne sono stata conquistata.

Avete presente i film americani o le serie tv in cui si vedono i protagonisti nei giardini di queste bellissime case, con ingressi immensi? Questo è quello a cui noi ci siamo trovati di fronte. Oltre alla via più conosciuta del quartiere, la Sunset Boulevard, la zona circostante è ricca di viuzze tranquille in cui si respira perennemente un’aria di vacanza. Complice il cielo azzurro e le palme sembra davvero di trovarsi in un sogno, ed è per questo che Beverly Hills ha lasciato un ricordo così dolce nella mia mente.

Beverly Hills
Parete a cuori a Beverly Hills

Oltre a questo, Beverly Hills è conosciuta per i suoi numerosi negozi d’alta moda in Rodeo Drive e per il lussuoso The Beverly Hills Hotel. Questo Hotel, famoso per la sua storia, è da sempre luogo d’incontro per le star cinematografiche, in special modo quelle degli anni ’30. Controversa è la storia recente, in cui si dice che l’hotel sia entrato nella lista nera, a causa delle decisioni prese dal proprietario, il Sultano del Brunei. In ogni caso resta, a mio avviso, un simbolo di quelli che furono gli anni d’oro di Hollywood.

Facciata del Beverly Hills Hotel

Los Angeles è una città ricca di contraddizioni ma al tempo stesso di certezze. Sento sempre pareri discordanti sul fatto che sia una città costruita e che lascia spesso delusi. Forse chi resta deluso è perché ha aspettative troppo alte e una volta in città non trova ciò che cercava. Il mio consiglio è di guardare oltre, oltre le apparenze, a mio avviso a Los Angeles si può trovare tutto ciò che ci si aspetta da un viaggio in California: l’oceano e le spiagge, i quartieri alla moda, l’arte per le strade e non, la solarità degli abitanti, il clima perfetto, la multiculturalità e la creatività in ogni dove.

Rooftop Bar a Beverly Hills



You might also like

No Comments

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.