Vacanze italiane, alla scoperta di cinque destinazioni del nostro territorio

La nostra bella Italia. Il paese del mare cristallino, delle città d’arte, delle cime innevate su cui praticare gli sport invernali. Italia, il paese dei ricchi musei, della buona cucina, del verde dei suoi immensi paesaggi. Il paese delle tipiche vacanze italiane, quelle che conosciamo da sempre, fatte di lunghe giornate in spiaggia, cielo azzurro e cene a base di pesce. Ma non solo. Le tipiche vacanze italiane possono essere trascorse anche in città, in montagna, o in splendidi agriturismi immersi nella natura, in quello che è il paese al mondo con più siti dichiarati Patrimonio dell’Umanità UNESCO.

Le possibilità sono infinite, tante quante le sfumature della nostra penisola. È così che è nata l’idea di scrivere questo articolo, ispirandomi alla moltitudine di colori e territori d’Italia. Attraverso un viaggio virtuale, che copre il territorio da Nord a Sud, scopriamo cinque destinazioni perfette per le vacanze italiane, con la partecipazione di cinque host che raccontano i loro B&B, selezionati da me dopo un’attenta ricerca. B&B ricchi di fascino, in cui è possibile alloggiare durante il viaggio.

Storia e mare, Puglia

Da sempre affascinata dal bianco della calce e dal blu del mare, vorrei cominciare con la bellezza della Puglia, tra le regioni italiane che più mi hanno colpita in passato. Un viaggio in Puglia, dovrebbe cominciare con la scoperta del suo capoluogo, Bari. Una città che nel corso degli anni è riuscita a mantenere inalterato il suo incantevole centro storico, la Città Vecchia. All’interno delle storiche mura medievali, la vita è all’insegna della tradizione e della buona cucina, tra orecchiette preparate dalle signore in strada e dalla tipica focaccia barese.

E poi, c’è il mare.

Photo by Andrea Mining for Unsplash

A poca distanza da Bari la seconda tappa del mio viaggio in Puglia, sarebbe senza dubbio la piccola Polignano a Mare. Questa perla bianca e verde è tra i borghi più graziosi di tutta la regione. La vista della Lama Monachile dal Ponte Borbonico è pura bellezza. Questa spiaggia incastonata tra due scogliere, è bagnata da acque cristalline e si trova nel centro storico del paese. Tra il labirinto delle sue viuzze, riecheggiano le culture che si sono susseguite nel corso dei secoli, arabi, normanni, bizantini e spagnoli.

Photo by Luisa Denu for Unsplash

Impossibile visitare la Puglia senza scoprire la Valle d’Itria, una delle zone più belle della regione. Qui tra verdi distese, paesaggi caratterizzati da vigneti e uliveti e i famosi trulli. Chiamata anche, la Valle dei Trulli, sono numerosi i borghi che meritano una visita. Dalla conosciuta Alberobello, dichiarata Patrimonio dell’Umanità UNESCO dal 1996, dove si trovano gli originali trulli alla bianca Locorotondo, che attende il viaggiatore che vuole scoprire il suo dolce paesaggio, dall’alto della collina su cui si trova. Oltre ai trulli, qui si possono ammirare le bianche cummerse, abitazioni con il tetto spiovente tipiche della zona.

Intorno solo campagna, vigneti e ulivi.

Photo by Ricardo Gomez Angel for Unsplash

B&B Pietraviva

Ma è a Cisternino che scegliamo di fermarci per la notte. Questo borgo, tra i più belli d’Italia, mantiene inalterata la tradizione dell’architettura spontanea, esempio di un piano edilizio non progettato, ma del tutto casuale. La vita quotidiana scorre tra vicoli e cortili, passeggiando lentamente tra le bellezze del centro storico.

Ed è qui che sorge il B&B Pietraviva, all’interno di un magnifico trullo restaurato quarant’anni fa che da ricovero per animali e attrezzi venne adibito ad abitazione rurale pugliese. Benedetta mi ha raccontato di aver iniziato l’avventura nel 2007, trascinati dall’entusiasmo di conoscere nuove persone e dallo spirito d’iniziativa della mamma. Anno dopo anno hanno trasformato il trullo rendendolo accogliente ad ospitare viaggiatori da tutto il mondo.

Benedetta descrive così il suo B&B Pietraviva:

” Pietraviva è una micro struttura ricettiva a conduzione famigliare. Micro perchè possiamo ospitare una famiglia o una coppia per volta, in quanto si tratta di una sola unità abitativa, pur composta da cucina, due camere da letto, un bagno, patio e terrazza panoramica.

La colazione è servita tutte le mattine ed è preparata da mia madre, Anna.

Mio padre si occupa della manuntenzione ed io e mio fratello dell’accoglienza. Non abbiamo grandi pretese se non quello di essere un luogo dove riscoprire il piacere di trascorrere dei giorni in semplicità, raccolti tra le mura avvolgenti di in un piccolo trullo e circondati dalla quiete della campagna”

Un luogo paradisiaco dove poter assaporare la genuinità pugliese, l’accoglienza e la bellezza del territorio.

Vista panoramica sul Lago Maggiore

In Italia c’è una graziosa zona perfetta per le vacanze, turistica quanto basta, tranquilla ma ricca di bellezze a cielo aperto, si tratta del Lago Maggiore e di tutti i paesini che vi si affacciano. Vivo qui da sempre, proprio in uno di questi paesi, sulla sponda lombarda, al confine con la Svizzera. Sono molti i turisti di altre nazionalità che scelgono di visitare i famosi laghi lombardi, ognuno con le sue peculiarità. La mia zona è ricca di viste da cartolina, tramonti incantevoli e storia, molta storia.

Un viaggio sul Lago Maggiore, non può che partire dalle innumerevoli passeggiate tra la natura che si snodano lungo il lago, tra i folti boschi della zona o nelle cittadine più grandi. Il fascino di questa parte di Lombardia risiede nella sua semplicità, nell’elegante ma al contempo campagnola bellezza, un luogo dove rigenerarsi, dove sentirsi perennemente in vacanza. Tra le località da visitare sono imperdibili l’Eremo di Santa Caterina del Sasso a Leggiuno, un monastero del XIV secolo a strapiombo sul Lago Maggiore.

Un luogo suggestivo e imperdibile.

Da qui è possibile attraversare il lago con i traghetti giornalieri e raggiungere la sponda piemontese del Lago Maggiore, da cui è semplice attraccare alle suggestive Isole Borromee, di cui trovate un articolo proprio qui sul blog “L’incanto delle Isole Borromee“. Appartenenti alla famiglia Borromeo, che ebbe una grande influenza su queste zone tra il 1400 e il 1700, è anche la Rocca Borromea di Angera. Tra sale storiche di grande pregio, decorazioni originarie e una vista panoramica sul lago e le Prealpi indimenticabile, domina la scena dall’alto dello sperone roccioso su cui si trova.

Patrimonio dell’Umanità UNESCO dal 2003, i nove Sacri Monti del Piemonte e della Lombardia, sono assolutamente da visitare. Nella provincia di Varese, in cui ci troviamo, è presente il Sacro Monte, luogo di pellegrinaggio sin dal Medioevo. Il percorso su una strada acciottolata si snoda alla scoperta di quattordici cappelle, tra folti boschi di faggi e castagni, sino ad arrivare al Santuario di Santa Maria del Monte. La vista panoramica spazia dai laghi sino alla città di Milano, nelle giornate di cielo limpido.

Photo by Erik Jan Leusink for Unsplash

Oltre al Lago Maggiore, che è il più grande, questa è denominata la zona dei laghi, in quanto si trovano un totale di dieci laghi tutti di origine glaciale. Alcuni dei laghi più piccoli sono anch’essi balneabili, e ricchi di spiagge di cui godere. Lago di Varese, Lago di Comabbio e Lago di Monate sono alcuni di questi.

Ed è proprio sul lago di Monate che scegliamo di alloggiare durante questo viaggio, a Villa Carlotta.

Villa Carlotta

Circondata da boschi di castagno e verdi prati, Villa Carlotta, a soli 800 metri dal Lago, è stata creata per valorizzare quanto più il contesto in cui si trova. È qui che infatti l’architetto Molina, scelse di trasformare quest’abitazione degli anni novanta in un alloggio turistico, in cui coniugare una perfetta armonia tra interno ed esterno.

Le grandi vetrate, la continuità dei materiali, i mobili in legno restaurati e il grande camino in marmo bianco rendono l’ambiente elegante e accogliente. La sala da pranzo, dove viene servita la colazione, è caratterizzata da una veranda con stufa a legna degli anni venti.

All’interno della Villa sono presenti tre camere, tutte dotate di bagno privato curate nei minimi dettagli. La semplicità e l’armonia degli spazi esterni, a disposizione degli ospiti, la rendono perfetta per un soggiorno all’insegna del comfort e della bellezza del luogo.

La base ideale per scoprire i laghi della zona e le sue attrattive.

Tra le tradizioni dell’Emilia Romagna

Le vacanze italiane possono essere un buon pretesto per visitare due città tanto vicine quanto distanti, di una delle regioni più ricche d’Italia: l’Emilia Romagna. Modena e Bologna si sono spesso scontrate in passato, sin dal medioevo ma anche nella storia più recente. Trovo siano due città molto similari che condividono tante bellezze. Da vedere durante un week end o con la tranquillità di una settimana a disposizione.

Il viaggio partirebbe dalla città di Modena, nel cuore dell’Emilia Romagna. Tra cucina e cultura troviamo una città prosperosa, per anni capitale del Ducato dei Signori d’Este. Una città in cui la storia riecheggia in Piazza Grande, dove affacciano il Duomo e il campanile, la Ghirlandina, tutti e tre dichiarati Patrimonio dell’Umanità UNESCO. Sulla stessa piazza si trova il bel Palazzo Comunale del 1800, con il portico del seicento e la Torre dell’Orologio.

Modena è l’ideale per gli amanti dell’ottima cucina, sorge infatti nel centro città il Mercato Storico Albinelli edificato intorno al 1920. Una passeggiata tra le viuzze del centro, è il miglior modo per scoprire l’arte e la bellezza modenese.

Sono molti i musei di Modena, ma impossibile non visitare la prestigiosa Galleria Estense. Racchiude al suo interno la ricca collezione dei duchi d’Este, raccolta nel corso degli anni della signoria ferrarese. Sono numerosi i dipinti, le sculture e gli oggetti d’arte presenti, disponibili ora anche in un tour virtuale.

Photo by Mario Cutroneo

Il mio viaggio proseguirebbe verso Bologna, famosa per i suoi lunghi portici, per i resti del passato, come i canali che un tempo scorrevano lungo la città e di cui si può ancora avere traccia dalla graziosa vista dalla finestrella di Via Piella sul Canale delle Moline. Accogliente e solare, a Bologna è impossibile non perdersi nel centro cittadino, tra le tante botteghe storiche. Seguire la vita quotidiana dei bolognesi e scoprire la città attraverso l’Antico Mercato del Quadrilatero è tra le esperienze imperdibili.

Photo by Bianca Ackermann for Unsplash

Oltre alla graziosa Piazza Maggiore, sono le Due Torri il simbolo storico di Bologna che dall’alto di Porta Ravegnana, controllano la città. La Torre Garisenda, la più antica delle due risale al XII secolo, e racconta dei tanti avvenimenti che la segnarono nel corso dei secoli, tra cui il mozzamento nel trecento. La leggermente più giovane Torre degli Asinelli, costruita nel 1100 resistette anche lei ad eventi storici di grande rilievo, ed oggi la si può ancora ammirare nella sua intera bellezza. Attraverso 500 scalini circa si può raggiungere la sua vetta, dalla quale ammirare la più bella vista di Bologna e dei suoi magnifici tetti rossi.

L’Emilia Romagna è rinomata anche per la sua gustosa cucina dei piatti tipici. Un viaggio in questa regione non sarebbe tale, senza aver provato le trattorie tradizionali, dove assaggiare i famosi tortellini, le lasagne, l’erbazzone, le tagliatelle e i tortellini di zucca.

Photo by Bianca Ackermann for Unsplash

Per la notte scegliamo di soggiornare nel cuore di Bologna, nel quartiere universitario, a due passi da Piazza Maggiore, al B&B Il Viaggio.

B&B Il Viaggio

Il B&B Il Viaggio è composto da quattro camere da letto con bagno privato, la peculiarità del B&B è data dall’avere in ogni camera un angolo cottura. La libertà in viaggio è quindi massima, senza dover rinunciare alle comodità di una struttura ricettiva. Un’altra caratteristica che mi ha conquistata è la colazione, servita ogni mattina nella privacy della propria camera da letto. La passione per il mondo dei viaggi degli host de “Il Viaggio” la si percepisce anche dal nome dato alle camere, i quattro punti cardinali.

Roberto ci racconta qualcosa del suo B&B Il Viaggio:

”BeB Il Viaggio è nato con l’unione delle forze di diverse persone. È nato dalla passione per il Viaggio che condivido con mia moglie Claudia. Abbiamo anche cercato di pensare a tutti i comfort nella privacy della propria camera curando ogni dettaglio, non trascurando l’accoglienza e la disponibilità per ogni necessità. Situato in tipica palazzina bolognese (con origini che risalgono a 400-500 anni fa) a due passi dalle Due Torri il monumento più rappresentativo di Bologna.

Disponiamo anche di un parcheggio privato da concordare la disponibilità in anticipo.”

L’alloggio perfetto per visitare le bellezze di Bologna.

Amore a prima vista: Favignana

Tra le località italiane che già visitai in passato ma in cui vorrei tornare appena possibile, spicca la meravigliosa isola Favignana, la perla delle Egadi. Quest’isola a forma di farfalla è un vero paradiso terrestre, caratterizzato dalle mille sfumature blu del mare, ottima cucina isolana e panorami da cartolina.

Raggiungibile in circa mezz’ora di traversata in traghetto da Trapani, Favignana è un’ottimo luogo in cui staccare corpo e mente. La peculiarità di Favignana è quella di avere sia spiagge sabbiose, sabbie con ciottoli, sia grotte meravigliose da visitare in barca. Tra le mie spiagge preferite spiccano sicuramente la candida Cala Azzurra e la rinomata Cala Rossa, da anni tra le spiagge più belle d’Italia. Bellissimo visitare l’isola in scooter e fermarsi qua e la in spiaggette isolate e senza nome, a Favignana il mare è splendido ovunque. Il paesaggio da suo canto è ricco di insenature incantevoli e natura rigogliosa, un ottimo modo è quello di scoprire l’isola in bicicletta, poco alla volta, godendo di ogni splendido scorcio.

Oltre al mare Favignana è rinomata anche per la presenza dell’ex tonnara, lo stabilimento Florio da cui l’isola deve il suo favorevole sviluppo. Dal 2009, dopo i lavori di ristrutturazione da parte della Regione Sicilia, l’ex stabilimento Florio è stato adibito a Museo, in cui sono presenti reperti archeologici trovati sull’isola, sale espositive di immagini e filmati e una parte dedicata alla famiglia Florio. Interessante da visitare durante la permanenza a Favignana. Sull’isola sono presenti Castelli normanni e Chiese storiche. Da ricordare le cave di tufo in diverse località di Favignana, le si trovano a ridosso di alcune cale famose, e sono visibili anche dalla strada.

La cucina tipica di Favignana è un altro buon motivo per sceglierla come destinazione delle vostre vacanze italiane. Io ricordo ancora la “specialità” provata in un caldo pomeriggio, a base di spremuta d’arancia e granita di limone, tanto gustosa quanto rinfrescante. Imperdibili le polpette di tonno, il cous cous e gli spaghetti alla bottarga.

Favignana è anche la base perfetta per visitare le altre isole Egadi, Levanzo e Marittimo, anche con gite in giornata.

La Casa dell’Arancio

Come alloggio per le nostre vacanze a Favignana scegliamo La Casa dell’Arancio, B&B che si trova nel cuore del centro storico dell’isola, in quella che è la zona perfetta per vivere al meglio le lunghe sere d’estate, tra ristoranti tipici ed eventi.

Alessandro, l’host del B&B ci racconta così il suo alloggio speciale sull’isola:

“Si tratta di un piccolo palazzo storico nel centro di Favignana, in una piccola via nella quale si sente il rumore del mare e del vento.

Restaurato 11 anni fa, ha mantenuto la tradizione del luogo pur rispecchiando uno stile etnico dovuto anche al fatto che la struttura rispecchia un piccolo Riad marocchino a cielo aperto. Ci sono sei ampie e comode camere di cui due suite, tutte con soffitti a volta, ampie sale da bagno e tutti i comfort per rendere piacevole la vacanza, le camere sono tutte dotate di terrazzo o balcone. Ogni mattina viene servita la colazione espressa fatta in casa con prodotti biologici e locali.”

Un mix di culture che si intrecciano nella magica isola di Favignana, un museo di colori a cielo aperto.

Tra Dolomiti e Arte, Valbelluna

Nel cuore della regione Veneto, si trova un territorio ricco di bellezze naturali, ideale da visitare sia in Estate che in Inverno. Si tratta delle Dolomiti bellunesi, Patrimonio dell’Umanità UNESCO dal 2009 e di cui i maggiori gruppi dolomitici ne fanno parte, tra cui le Tre Cime di Lavaredo, la Marmolada e la Civetta. Nel territorio si susseguono valli immerse nella natura autentica, paesi, parchi, riserve, laghi e castelli.

Qui si trovano alcune località incantevoli come la Valbelluna, poco conosciuta ma decisamente affascinante. Lungo il corso del fiume Piave, in questa magica valle è possibile vivere a 360° a stretto contatto con la natura. Nella provincia di Cadore, il più grande lago naturale è il Lago di Misurina, Perla della Dolomiti. Il paesaggio intorno è suggestivo e le proprietà benefiche dell’aria grazie al suo microclima sono note.

Photo by Willian Justen de Vasconcellos for Unsplash

La città di Belluno sarebbe tra le prime tappe del mio viaggio, una città in cui la qualità della vita è molto alta, caratterizzata da un mix unico di cultura veneziana e tradizione montana. Tra portici e viuzze, trascorrerei la giornata a scoprirne il fascino autentico e spesso sottovalutato. Belluno è inserita nel Parco Nazionale delle Dolomiti Bellunesi, da qui è possibile partire per sentieri ed escursioni. Anche la cucina e i prodotti locali sono un buon motivo per visitare questa parte d’Italia. Un mix di elementi montani e prodotti della pianura Trevigiana, che rendono la cucina bellunese irresistibile. In agriturismi, ristoranti e rifugi, si possono gustare i Casunzièi tipici ravioli farciti con patate, rapa rossa e ricotta affumicata, il formaggio Piave e la Polenta e Pastin, carne tritata affumicata.

Per una gita fuori porta, a poca distanza, a sud, si trovano le famose colline del Prosecco Conegliano-Valdobbiane, in cui è possibile conoscere il territorio e l’enogastronomia locale attraverso percorsi a tema, lungo la Strada del Prosecco e del Vino.

B&B Villa61

Scegliamo come perfetto punto di appoggio per le notti di queste vacanze il piccolo paese di Limana, nel cuore della Valbelluna. È qui che si trova il B&B Villa61, un casale immerso nella natura, che Eleonore ci racconta:

“Villa 61 nasce da una magica alchimia: il mondo bucolico della campagna bellunese, ai piedi delle Dolomiti patrimonio dell’umanità UNESCO. È qui, nella piccola Limana, famoso per essere il Paese del Miele, che nel 2011 io e Massimo, architetto, dopo due anni di ricerche, troviamo il luogo perfetto per creare la nostra Maison de Campagne: un vecchio casale in pietra di fine ‘800 con una meravigliosa vista di 180° che va dalle vette feltrine alla conca dell’Alpago, un giardino fiorito e tutt’intorno la pace della campagna veneta più generosa.

Se il restauro architettonico è stato realizzato in bioedilizia, impiegando solo materiali naturali come l’argilla, la pietra e il legno per ottenere la massima salubrità degli ambienti, lo charme rustico dell’interior design è ispirato a dare una seconda vita ad oggetti dimenticati, ognuno ricco di una storia da raccontare. Originali e ricercati gli arredi: mobili in legno, in ferro battuto, dalle porte con i vetrini alle bellissime cementine anni ’30 sino agli interruttori in ceramica bianca e in bakelite nera che provengono dalla Germania. Ogni dettaglio è il frutto di una lunga ricerca nei migliori mercatini d’Europa. 

La colazione è un’esperienza. Ed proprio durante questo momento della giornata che io, Eleonore vi saprò coccolare al meglio con le mie torte casalinghe preparate con la frutta di stagione, pane artigianale, granola e marmellate fatte in casa, cosi come lo yogurt da gustare rigorosamente con il miele di Limana. E come se non bastasse fare colazione con vista sulle Dolomiti, a farvi compagnia troverete spesso i caprioli che scorrazzano per il giardino attirati dal frutteto della villa. Le due camere, molto romantiche, sono pensate per offrire il massimo comfort.”

Vi consigliamo di prenotare una camera e chiedere – disponibile solo su prenotazione – della colazione brunch dolce e salata con affettati e formaggi locali per provare il meglio dei prodotti genuini e golosi delle Dolomiti in un’atmosfera incantata. Inoltre, per completare l’esperienza vissuta a Villa 61, Eleonore è bravissima nel consigliare itinerari turistici su misura in base ai gusti e agli interessi degli ospiti, così da poter vivere appieno il soggiorno nel “bellunese”, un territorio davvero tutto da scoprire.

Eleonore è a disposizione per consigli sulle gite da effettuare durante la permanenza, queste alcune delle sue idee:

– passeggiate panoramiche con vista Dolomiti in Valmorel e Nevegal

– momenti di relax al Lago del Mis, Cadini del Brenton e cascata della Soffia

– spettacolari canyon al Brent de l’Art

– atmosfere medievali al Castello di Zumelle e alla Grotta Azzurra

– Lago di Santa Croce, Foresta del Cansiglio, Alpago, Serravalle di Vittorio Veneto e Grotte del Caglieron

– Cison di Valmarino, Valdobbiadene e tutta la zona del Prosecco, Asolo (la Perla del Veneto)

– tante Ville Venete, come quella Miari-Fulcis a Modolo con il suo bellissimo anello da fare a piedi tra campi e boschi, oppure Villa Piloni a Casteldardo, sempre con una bellissima passeggiata, lontano da tutto.

Un viaggio tutto italiano alla scoperta di tradizioni, ottima cucina tipica, storia ed arte. Luoghi suggestivi che mi riprometto di visitare non appena la situazione lo permetterà. Perché tra le tante cose successe, mi sono resa conto di quanto io sia felice di essere italiana e di quanto ami la mia terra, che ora più che mai avrà bisogno del supporto di tutti noi.

You might also like

Comments (6)

  • Luana 2 mesi ago Reply

    Bellissimo articolo, l’Italia e’ talmente bella!
    Saranno mesi duri per il nostro turismo… ma la bellezza delle nostre localita’ attirera’ turisti da tutti il mondo, come sempre.
    Luana

    Selene 1 mese ago Reply

    Ciao Luana, ti ringrazio. La nostra Italia è splendida, sarà dura, ma sono certa ci riprenderemo. Un abbraccio

  • Monica 2 mesi ago Reply

    Favignana e le Dolomiti sicuramente sono anche nella mia lista! Due “estremi” di bellezza agli antipodi geografici💙 questo paese è davvero una meraviglia! @mo16anni

    Selene 1 mese ago Reply

    Ciao Monica,
    sono splendide entrambe. Favignana è nel mio cuore da quando la visitai la prima volta. Aspetto di tornarci 🙂

  • Giulia 2 mesi ago Reply

    Bella selezione! Conosco bene solo la Puglia, le altre mete invece non le conosco così bene, sarà un’ottima idea visitarle appena si potrà. Grazie per i consigli 🙂

    Selene 1 mese ago Reply

    Ciao Giulia, ti ringrazio. Speriamo di poterle visitare presto 🙂

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.