Dieci indimenticabili città americane

Le città americane hanno dato il via alla storia del grande paese, sin dalle prime colonizzazioni, nel 1600. Stati Uniti d’America equivale a sogno americano, grattacieli, musica jazz e blues, fast food, baseball, presidenti e modernità. Tutte cose che rendono gli stati che ne fanno parte, mete di viaggio ambite e sognate. Perché da sempre, nei film del passato e del presente abbiamo avuto la possibilità di ammirare lo sfarzo cosmopolita e originale di un paese lontano anni luce, e non per distanza geografica, da ciò a cui siamo abituati. Ed è proprio li, in quel connubio di fascino per la diversità e richiamo per la storia che ha contraddistinto gli Stati Uniti, che la voglia di scoprirli è cosi forte.

Ho raccolto una personale lista di quelle che sono le dieci città americane per antonomasia, le indimenticabili e famose, le meno visitate ma ugualmente da scoprire.

Philadelphia

Skyline di philadelphia al tramonto, città americane
Photo by Guy Actionvance for Unsplash

La prima città Usa ad essere diventata Patrimonio dell’Umanità UNESCO, è proprio lei, Philadelphia. Philly, così chiamata dagli americani, è una città moderna, ricca di arte e cultura, affascinante, colta ed elegante. Passeggiare per le sue strade è semplice, date le dimensioni ridotte del centro e lo si può fare in tutta serenità, sia tra le vie che nel suo grande parco: il Fairmount Park. All’interno del parco è presente il più antico zoo degli Stati Uniti, aperto nel 1874. Una tappa imperdibile durante la visita della città.

Nel cuore del centro storico, posto tra i due fiumi che la bagnano, il Delaware e lo Schuylkill, si rivivono le atmosfere tipiche dell’epoca coloniale, tra edifici di grande fascino architettonico e illustre attrazioni. È qui che si trova la Liberty Bell, la grande campana suonata dai padri fondatori, e che oggi presenta una grande crepa, sinonimo di orgoglio patriottico per gli abitanti. A poca distanza l’Independence Hall, è il luogo in cui è stata emessa la Dichiarazione d’Indipendenza nel 1776 e in seguito nel 1787 firmata la Costituzione Americana. Insomma, la città racchiude al suo interno molteplici luoghi che hanno segnato la Rivoluzione Americana.

Città americane: Philadelphia
Photo by Leo Serrat for Unsplash

Una tappa al Reading Terminal Market, aperto dal 1892 è d’obbligo. Tra banchi di frutta e verdura, formaggi del luogo, e bancarelle in cui poter gustare le prelibatezze proposte, è un sogno culinario, per i residenti e anche per i turisti. Una parte del mercato è in gestione ai contadini Amish, che vendono i prodotti da loro coltivati.

Philadelphia vanta numerosi murales e un doppio teatro, il Kimmel Centre, che racchiude al suo interno la sede della Philadelphia Orchestra e un teatro per spettacoli. Molto interessante la visita del City Hall, il municipio cittadino, che fino al 1909 fu l’edificio più alto del mondo. Philadelphia, la prima tra le imperdibili città americane.

Vista su Philadelphia una delle indimenticabili città americane
Photo by Chris Murray for Unsplash

QUANDO VISITARLA: L’inizio dell’Autunno tra Settembre e Ottobre è il periodo migliore in cui trovare temperature miti e poca umidità.

PIATTO TIPICO: Cheesesteak, panino con strisce di bistecca e formaggio fuso.

VISTA PANORAMICA: Vista a 360° dall’Observation Deck, del grattacielo One Liberty Place.

FILM DA GUARDARE: Il grande classico Philadelphia, la saga di Rocky Balboa, Sesto Senso e il Mistero dei Templari.

ESCURSIONE FUORI CITTÀ: Attraverso la regione della Dutch Country, si potranno raggiungere le comunità degli Amish. Tra mercati di prodotti locali, vita tradizionale e strade panoramiche. Per la notte è possibile soggiornare in fattoria.

New Orleans

Vista in strada a New Orleans
Photo by Arun Kuchibhotla for Unsplash

Da sempre affascinata da New Orleans, non potevo che menzionarla in questo articolo tra le città americane più belle ed interessanti degli Stati Uniti. Primo fra tutti, questa cittadina della Louisiana racchiude un alone di mistero incredibile, tanto affascinante, alimentato dalle molte leggende che la riguardano. È nel cuore del suo French Quarter, tra incantevoli palazzi coloniali dalle balconate in ferro battuto e cortili nascosti, che si susseguono le storie dei riti voodoo celebrati dalla popolazione creola. Il quartiere più vivace di New Orleans è ricco di attrazioni, tra musicisti di strada e locali di musica jazz. Anche se già il solo passeggiare tra le sue vie è emozionante. Imperdibile Bourbon Street la sera, quando il brulicare di gente si fa intenso e nei locali risuona la musica, come al Preservation Hall, il tempio della musica jazz, anche se dall’esterno potrebbe sembrare un edificio abbandonato.

Photo by Robson Hatsukami for Unsplash

Nonostante i numerosi uragani che si sono manifestati nel corso dei decenni, questa città del profondo sud tra paludi e piantagioni e vicina al Golfo del Messico, è sempre riuscita a reagire e a tornare a splendere. La sua posizione geografica la rende umida, calda e in base alla stagione, molto piovosa. Imperdibile la visita ad uno dei molti cimiteri di New Orleans per la particolarità che li contraddistingue, le tombe si trovano tutte sopra il terreno. Il più caratteristico è quello di Saint Louis, dove si trova anche la tomba della Voodoo Queen, Marie Laveau.

Se volete passeggiare nel verde, il City Park è il magico parco della città, dal 1850 incanta per la bellezza e le numerose attrattive presenti all’interno, come il giardino botanico e la zona delle grandi querce, tra cui la più antica risalente a 800 anni fa.

Photo by Rosie Kerr for Unsplash
Photo by Dirk Spijkers for Unsplash

QUANDO VISITARLA: Il momento perfetto è durante i festeggiamenti del Mardi Gras da metà Gennaio a circa metà Marzo.

PIATTO TIPICO: Po’ Boy, nato negli anni ’20, consiste in una baguette farcita con gamberi fritti o roast beef.

FILM DA GUARDARE: 12 anni Schiavo, Easy Rider e Django Unchained.

ESCURSIONE FUORI CITTÀ: Nella Cajun Country, in Louisiana, il paesaggio è un perfetto mix tra laghi, paludi e cittadine storiche. Qui si parla ancora francese e l’ideale è quello di dedicare alla zona almeno tre giorni.

Seattle

Il futuristico skyline di Seattle città americane
Photo by Oakie for Unsplash

La meravigliosa e fredda città dello Stato di Washington, chiamata affettuosamente Emerald City (la Città Smeraldo) affascina per lo skyline futuristico e molto riconoscibile, dato dalla presenza dello Space Needle, dal connubio perfetto tra edifici storici che si alternano ai grattacieli moderni e dal Monte River sullo sfondo. È proprio a Seattle che nacque Starbucks e fu aperta la prima caffetteria al Mondo della famosa catena. Ed è proprio il caffè una delle particolarità che caratterizzano la città, ricca di caffetterie ad ogni angolo in cui poter ordinare la bevanda prediletta dai cittadini: il caffellatte. Non a caso uno dei soprannomi di Seattle è proprio The Big Barista.

A Seattle non mancano le attrazioni per trascorrere memorabili giornate alla sua scoperta, primo fra tutti, un tour sul famoso Ferry Boat, visto molteplici volte nella serie tv Grey’s Anatomy. La traversata verso Bremerton o Bainbridge Island offre una vista panoramica spettacolare sulla Elliot Bay e sulla città. Seattle vanta anche il più antico mercato degli Stati Uniti, il Pike Place Market, visto innumerevoli volte in scatti fotografici con la sua luminosa insegna a neon. Il mercato è aperto dal 1907 e si trova vicino al porto, perfetto da visitare dopo la navigazione con il battello, per curiosare tra le numerose bancarelle e gustare le specialità della West Coast.

Photo by Ben Dutton for Unsplash

Imperdibile una visita alla città sotterranea ottocentesca, distrutta nel 1889 e di cui con il tour è possibile ammirare i resti. Così come il Piooner Square, risalente al XIX secolo e primo quartiere nato in città. Qui si alternano grattacieli, palazzi di fine ‘800 e vialetti graziosi, il tutto in un quartiere ricco di gallerie d’arte e locali trendy. Seattle è anche la patria della musica grunge, di Microsoft e sede dello stabilimento Boeing, di cui è possibile visitare il museo-parco.

Photo by Shunya Koide for Unsplash

QUANDO VISITARLA: Maggio e Giugno sono i mesi migliori in cui è meno probabile la pioggia e la temperatura è meno fredda.

PIATTO TIPICO: Crab Sandwich, panino con il granchio.

VISTA PANORAMICA: Osservatorio dello Space Needle, vista sullo skyline, sull’oceano e sulle pendici del Rainer.

FILM DA GUARDARE: Sleepless in Seattle, Ufficiale e Gentiluomo oltre a numerose serie tv, tra le quali Grey’s Anatomy.

ESCURSIONE FUORI CITTÀ: A poca distanza dal Canada, le escursioni da Seattle possono essere molteplici. La prima potrebbe essere un viaggio attraverso l’Olympic Peninsula, tra selvagge foreste, laghetti e spiagge nere. La seconda opzione potrebbe essere raggiungere Vancouver in Canada in circa due ore e mezza.

Los Angeles

Skyline di Los Angeles, città americane
Photo by Owen Lystrup for Unsplash

Los Angeles è precisamente tante città in una. È la Los Angeles di Hollywood, quella blasonata e vista in innumerevoli film e che rispecchia particolarmente il sogno americano, di tutte quelle persone che approdano qui per realizzare i loro sogni. Hollywood. Il quartiere della Walk of Fame, che ogni anno aggiunge qualche nuova impronta famosa e la Hollywood del Dolby Theatre dove si svolgono annualmente i famigerati Premi Oscar. Nella città dell’eterna estate, baciata quasi perennemente dal sole, è facile innamorarsi. Io personalmente la ritengo una di quelle città che offrono qualsiasi cosa tu abbia bisogno.

C’è il mare, delle paradisiache Santa Monica e Venice Beach, ritratto perfetto di quella che è la città che abbiamo sempre visto in film e serie tv. Iconiche le torrette dei guarda spiaggia, da cui è impossibile resistere dal salire e scattarsi una fotografia ricordo. A Santa Monica, precisamente sul suo Pier, finisce quella che è da sempre la strada più famosa d’America: la Route 66.

Città americane: Santa Monica torretta guardaspiaggia
Photo by Selene

Tra locali trendy, negozi alternativi e tanta street art, West Hollywood è l’opposto della vicina Hollywood. Mi è piaciuta per la sua anima rock, colorata e vivace. Poco lontano si approda in uno dei quartieri più conosciuti dell’intera LA, Beverly Hills. Inutile dirvi quanto le immense ville sulla Sunset Boulevard, circondate da alte palme e giardini immacolati, siano un sogno ad occhi aperti. Così come lo storico Beverly Hills Hotel, che ha visto tra i suoi ospiti moltissimi attori e personaggi illustri sin dalla sua apertura nel 1912.

Tre esperienze a mio avviso imperdibili da fare a Los Angeles: la prima è visitare gli Universal Studios. Dove passeggiando tra i set cinematografici e le varie attrazioni sarà come fare un tuffo all’interno dei film che hanno segnato la storia cinematografica mondiale. Seconda esperienza imperdibile, salire sino al Griffith Observatory, all’interno del Griffith Park, e ammirare lo skyline della city di LA da un punto panoramico d’eccellenza. Sempre che non ci sia un’intensa nebbia che copra quasi la visuale. Da qui è ben visibile anche l’iconica Hollywood Sign sul Monte Lee.

Photo by Selene

Terza esperienza se amate le viste dall’alto dei grattacieli, è salire allo OUE Skyspace della U.S. Bank Tower nella Downtown. La vista spazia a 360° sullo skyline, sulla scritta Hollywood, sul Pier di Santa Monica e sul Dodger Stadium. È possibile vivere un’esperienza originale, attraversando lo scivolo completamente in vetro e da cui si può ammirare la città sottostante, solo per chi non soffre le altezze! Durante il mio viaggio in California, ho potuto apprezzare la solarità degli abitanti e il ritmo lento della vita nei quartieri vista oceano.

Città americane: l'iconica scritta Hollywood
Photo by Gerson Repreza for Unsplash

QUANDO VISITARLA: Grazie al clima mite è perfetta in ogni stagione.

PIATTO TIPICO: Hamburger con formaggio, cipolle, insalata e pomodori.

VISTA PANORAMICA: Vista sui grattacieli dal Griffith Observatory.

FILM DA GUARDARE: Collateral, Mulholland Drive, Pulp Fiction, Kiss Kiss Bang Bang, Pretty Woman.

ESCURSIONE FUORI CITTÀ: Da Los Angeles le gite fuori porta sono numerose e a portata di giornata. Si può scegliere di visitare le spiagge soleggiate dell’Orange County, set di numerosi film, o di spingersi fino a San Diego e scoprire una delle città americane più belle.

Nashville

Vista su Nashville, città americane
Photo by Tanner Boriack for Unsplash

Music City è il soprannome che gli abitanti della città di Nashville le hanno attribuito. È facile comprenderne il perché, dato che da sempre è la Capitale della musica Country. Negli anni ’60, periodo in cui nacque questo genere musicale, Nashville divenne il punto cruciale in cui iniziò la sperimentazione e l’evoluzione del country.

Una città unica al mondo, che richiama moltissime persone da ogni parte del pianeta, che vogliono riscoprire l’animo speciale ancora percepibile di Nashville e dello stato del Tennessee. Il Country Music Hall of Fame and Music Centre offre una panoramica imperdibile della scena musicale country e non solo. Mostre e reperti storici di grande valore, appartenuti ai più grandi musicisti della storia. Insomma, un viaggio attraverso gli anni che hanno segnato il paese. Se amate la musica, RCA Studio B è il luogo in cui Elvis Presley e molti altri hanno inciso i loro dischi, assolutamente da visitare.

Photo by Brandon Jean for Unsplash

Verde, grande e accogliente sono alcuni degli aggettivi che vengono utilizzati per descrivere Nashville, una città in cui divertirsi sulle note rockabilly e country degli honky-tonk locali, i tipici bar in cui sentire riecheggiare musica ad ogni ora del giorno. La zona più originale per vivere al meglio l’esperienza è Printer’s Alley, una strada famosa per il passato trasgressivo. Qui si trovano sale concerti eleganti, locali jazz e anche ristoranti. Uno dei più conosciuti in cui divertirsi, gustare cucina cajun e ascoltare musica live? Il Tootsie’s Orchid Lounge, il primo live club di Nashville, aperto nel 1960.

Nashville è anche la città del Whiskey, è qui che viene prodotto uno dei più famosi: il Jack Daniel’s. È possibile degustarlo in una delle numerose distillerie della città, partecipando a tour organizzati o visite singole. La più famosa distilleria? La Nelson’s Green Brier Distillery, nata nel 1850 e sede dell’originale Tennessee Whiskey.

Photo by Drew Hays for Unsplash

QUANDO VISITARLA: Primavera, tra Aprile e Maggio per evitare temperature e umidità molto alte dell’Estate e rigide temperature invernali.

PIATTO TIPICO: Hot Chicken, il piccantissimo pollo fritto.

VISTA PANORAMICA: Dal Cumberland River Bridge sullo skyline.

FILM DA GUARDARE: Nashville, Green Book.

ESCURSIONE FUORI CITTÀ: Nello stato della musica, il Tennessee, imperdibile un tour delle città che hanno segnato la storia mondiale. Da visitare Memphis e i paesini lungo la strada.

Boston

Boston la più inglese tra le città americane
Photo by Todd Kent for Unsplash

Boston, la capitale del Massachusetts e non a caso tra le città americane la più inglese, ha un’anima pulsante e vivace. Coniata dai coloni inglesi approdati nella Massachusetts Bay nel 1600, è una delle città più antiche degli Stati Uniti, che ebbe un ruolo chiave durante la Rivoluzione Americana.

Il quartiere storico di Beacon Hill, circondato dai grattacieli del Financial District, con le sue ripide strade ciottolate è il più pittoresco di Boston. Le graziose case a schiera con mattoni rossi, gli antichi lampioni a gas, le storiche biblioteche e i musei illustri, la rendono perfetta da visitare a piedi, anche attraverso dei tour guidati per scoprire tutti i punti di interesse attraverso i racconti storici. Il quartiere affaccia sul fiume Charles attraverso l’Esplanade, il meraviglioso parco cittadino, che affianca per tre miglia il fiume, dal Museo della Scienza all’Università di Boston.

Ricordiamo che Boston è una tra le città più prestigiose dal punto di vista universitario, avendo sede in città ben 21 Università. Tra queste nella vicina Cambridge, oramai incorporata nell’area metropolitana di Boston, sono presenti l’Harvard University e il MIT, il Massachusetts Institute Technology.

Photo by Tiffany Chan for Unsplash
Photo by Anthony Delanoix for Unsplash

Uno dei cult da fare in visita a Boston è percorrere interamente il Freedom Trail, un percorso lungo due miglia e mezza e che permette di ammirare sedici attrazioni di grande significato per la storia cittadina, come la Old State House e la prima Scuola d’America. Il percorso è ben segnalato impossibile quindi perdersi. Sul sito ufficiale è possibile prenotare uno degli interessanti tour a tema disponibili, tra cui il tour sulle Donne Rivoluzionarie che hanno partecipato alla Rivoluzione Americana e il tour che celebra i patriotti afro-americani.

Tra le esperienza imperdibili, assistere ad una partita dei Boston Red Sox al Fenway Park, durante il Major League, campionato che ha inizio ad Aprile. Anche se non si è appassionati di baseball penso sia una di quelle cose da fare in viaggio a Boston.

Photo by Simon Forest for Unsplash

QUANDO VISITARLA: Tra Settembre e Ottobre, l’inizio dell’Autunno corrisponde a colori magnifici nei parchi e in tutta la regione del New England, ideale da visitare se avete tempo a disposizione.

PIATTO TIPICO: Lobster Roll, sandwich con aragosta.

VISTA PANORAMICA: Terrazza panoramica Skywalk Observatory al 50° piano.

FILM DA GUARDARE: Mystic River, Gone Baby Gone, The Departed, The Social Network.

ESCURSIONE FUORI CITTÀ: Un viaggio attraverso il fiabesco New England è imperdibile, tra astici appena pescati, paesaggi idilliaci e graziosi fari. Imperdbile anche una gita in giornata alle famose Università di Harvard e al MIT a Cambridge, per scoprire e vivere le indimenticabili atmosfere.

Austin

Città americane: vista sui grattacieli di Austin
Photo by Jeremy Banks for Unsplash

La Capitale del Texas è decisamente meno conosciuta rispetto alla vicina Dallas, ma questo suo essere meno turistica non equivale all’essere poco interessante. Austin è infatti una città tranquilla e molto graziosa, artistica e creativa, abitata da cittadini accoglienti che cercheranno di rendere la vostra permanenza quanto più piacevole possibile. Dallo stile di vita originale nasce il motto cittadino “Keep Austin Weird” che racchiude perfettamente l’animo degli abitanti, percepibile già dal primo approccio in città.

L’eclettico panorama di musica live è ciò che più caratterizza Austin, nella quale ad ogni angolo è possibile ascoltare buona musica. Il quartiere o meglio la zona del South Congress Avenue è quella in cui questo spirito musicale è più evidente. Tra negozi d’antiquariato, botteghe artigianali, thrift shops e nessuna presenza di catene famose, nei numerosi locali di musica live principalmente blues, country e rock, trascorrerete momenti indimenticabili.

Photo by Jessica Moreno

Imperdibile il Texas State Capital, la sede governativa del Texas, nel palazzo edificato nel 1888 dall’incredibile architettura, da visitare all’interno tramite tour guidati o in completa autonomia. Tutt’intorno l’immenso parco, promette relax ma anche una piacevole scoperta su alcune tappe storiche del Texas. Se la storia è di vostro interesse, gli undici edifici vittoriani del Bremond Block Historic District, sono stati tutti edificati tra il 1854 e il 1910.

Per trascorrere una giornata fuori dal centro cittadino, lo Zilker Park e il Lady Bird Lake sono perfetti. Dalle sponde di questo lago artificiale sul fiume Colorado, la vista sulla città di Austin è incantevole, così come il tempo che trascorrerà lentamente, senza dimenticare i numerosi food truck in cui gustare le specialità locali. Il tramonto è assolutamente da ammirare dal Congress Avenue Bridge dove, oltre ai numerosi pipistrelli presenti, sarà la bellezza delle luci della città che si accendono a renderlo indimenticabile. Tra le città americane sicuramente quella più a misura d’uomo.

Photo by Jessica Moreno
Photo by Sergio Samaritani

QUANDO VISITARLA: Aprile, il mese con meno piogge e con un clima caldo ma piacevole.

PIATTO TIPICO: Costata di manzo o ribs in salsa barbecue.

VISTA PANORAMICA: Sulla città dal Congress Avenue Bridge.

FILM DA GUARDARE: Dal Tramonto all’alba, Non aprite quella Porta.

ESCURSIONE FUORI CITTÀ: Il Texas merita una visita lungo tutto il suo territorio, ideale quindi spostarsi con un on the road, facendo tappa nelle altre città dello stato, tra le quali Dallas e Houston. Il Big Bend Park attende i viaggiatori più avventurosi con trekking e percorsi panoramici, mentre la riserva naturale di Big Thicket è perfetta per chi ama la natura e vuole ammirare l’incredibile biodiversità della zona.

San Francisco

Città americane: vista sul Golden Gate Bridge avvolto dalla nebbia
Photo by Selene

Iconica. Basterebbe questo aggettivo a descrivere la città di San Francisco, la più europea tra le città americane, che conquista per il suo animo elegante ed intellettuale. I soprannomi a lei attribuiti sono molti, Frisco o City by the Bay in primis. San Francisco è una bellissima città californiana, che conquista a colpo d’occhio. Sarà grazie alla raffinatezza delle tipiche case vittoriane, adornate da decorazioni e colori pastello, che caratterizzano gran parte dei quartieri e regalano racconti originali sulle loro edificazioni. Come le famose Painted Ladies, dalla quale si ha anche una vista panoramica sui grattacieli del Financial District, il tipico Skyline cittadino.

Poco lontano si trovano anche le Four Seasons, nel quartiere di Haight Ashbury (famoso per essere stato il luogo di nascita del movimento hippie della Summer of Love nel 1967). Queste graziose case vittoriane in legno rappresentano infatti le quattro stagioni, ed ognuna è differente dall’altra per colori e decorazioni. Una bella idea potrebbe essere quella di un tour giornaliero alla scoperta delle case vittoriane di San Francisco.

città americane: Painted Ladies
Photo by Selene

San Francisco nell’immaginario collettivo è la città dei famosi tram che si inerpicano per strade ripidissime, la città delle foche da ammirare al Pier 39 nel Fisherman’s Wharf e la città da cui raggiungere la celebre prigione d’America: Alcatraz. Oltre a tutto ciò San Francisco è anche molto di più. È la città in cui il suo quartiere cinese, Chinatown, è il più grande dell’emisfero occidentale e dove ad ogni angolo sembra di essere in un altro paese. San Francisco ha anche uno dei parchi più grandi d’America, il Golden Gate Park, in cui all’interno offre numerose attrazioni, tra queste la mia preferita è senza dubbio il Japanese Tea Garden. Un giardino gioiello, in cui perdersi alla scoperta di decorazioni e usanze tutte orientali, una passeggiata in un giardino da sogno, in cui poter bere un tipico tea o gustare una zuppa di miso bollente.

Photo by Selene

Da qui è possibile raggiungere alcuni punti panoramici incredibili sulla star cittadina: il Golden Gate Bridge. Il suo colore International Orange è celebre, così come la sua vista più suggestiva, quella che si ha dal Vista Point di Sausalito, sulla costa opposta alla città di San Francisco. Io trovai nebbia fitta al mattino, che generalmente si dissolve nelle ore pomeridiane, anche se trovo che in entrambi i casi abbia un fascino unico. Un altro punto panoramico è senza dubbio la Baker Beach, spiaggia sferzata dal vento che regala una visuale intera del ponte incredibile.

San Francisco è anche la culla della tecnologia, grazie alla presenza della vicina Silicon Valley, e città natale di alcuni guru tra i quali Steve Jobs. Molte sono le aziende avente sede in questa zona di California: Twitter, Instagram, Apple, Adobe, Samsung e Google sono alcune di queste. Una città ricca di emozioni da vivere, che mi ha conquista durante il mio viaggio on the road in California.

San Francisco vista sulle strada città americane
Photo by Selene

QUANDO VISITARLA: Il clima mite consente di visitarla durante tutto l’anno, anche se, per trovare meno nebbia e consigliato recarsi a San Francisco dopo l’Estate

PIATTO TIPICO: Clam Chowder, la zuppa di vongole

VISTA PANORAMICA: Per una vista dall’alto, la Coit Tower. Per una visuale perfetta sul Golden Gate Bridge, imperdibile il Vista Point di Sausalito

FILM DA GUARDARE: La donna che visse due volte, La ricerca della Felicità, Mrs. Doubtfire

ESCURSIONE FUORI CITTÀ: A circa due ore di distanza da San Francisco si trovano alcuni incantevoli villaggi pescherecci, tra questi Monterey e Carmel by-the-Sea

Chicago

Città americane: Boston e il suo skyline
Photo by Pedro Lastra for Unsplash

Siamo nella zona dei grandi laghi, Midwest, Illinois, sul Lago Michigan si trova Chi-Town, la più conosciuta Chicago. Una città fredda, ma solo di temperatura, data dalla ridotta vicinanza con il Canada, perché l’animo della Windy City, è intrigante e affascinante. Tra le città americane quella con l’architettura più audace, data dalla presenza di numerosi grattacieli famosi.

A Chicago è possibile attraversare e ammirare la città dal battello, che effettua giornalmente crociere sull’omonimo fiume e da cui si hanno viste panoramiche dei grattacieli a ridosso sul fiume. Molto suggestivi e originali anche i ponti sul fiume Chicago, tutti differenti ma assolutamente da vedere. Chicago è anche la prima città americana in cui furono costruiti i grattacieli, in quanto nel 1871 un grande incendio distrusse tutti gli edifici in ghisa e ferro presenti in città e così nella ricostruzione si pensò di utilizzare l’acciaio, resistente al fuoco e così nacque il grattacielo.

Photo by Jessica Moreno

Imperdibile a Chicago il Millenium Park, il grande parco cittadino, al cui interno si trovano alcune attrazioni interessanti. Tra queste l’iconico Cloud Gate, soprannominato The Bean, la grande scultura in acciaio dell’artista Anish Kapoor, la Crown Fountain e il Jay Pritzker Pavillion di Frank Gehry. Il parco è molto grazioso e adatto ad un pranzo all’aperto in una giornata soleggiata durante la bella stagione. Dal Millenium Park, affacciato sul Lago Michigan si raggiunge il quartiere Loop, vivace e ricco di ristoranti ed eclettici teatri. Il Loop è attraversato dai treni El, la metropolitana sopraelevata, molto caratteristica e vista in alcuni film quali The Blues Brothers e Una poltrona per Due. Chicago è infatti la patria del Chicago Blues, il genere musicale nato negli anni ’40 da ascoltare nel locale Green Mill Jazz Club, circondati da una tipica atmosfera anni ’20.

Photo by Sergio Samaritani

Sempre attraverso il Millenium Park si arriva al Lake front Trail, un percorso ciclo-pedonale sul lungolago Michigan che porta sino al Lincoln Park (con annesso Zoo gratuito) a nord, e a sud nella zona dei Musei. Da qui è possibile raggiungere il famoso molo di Chicago, il Navy Pier, dove si trova la ruota panoramica e da cui si ha la bella vista sullo Skyline cittadino. Da vedere al tramonto, quando la luce diventa aranciata e le luci dei grattacieli si accendono.

Per gli amanti del Basket e del campionato NBA, imperdibile una partita dei Chicago Bulls allo United Center.

Photo by Jessica Moreno

QUANDO VISITARLA: Le quattro stagioni sono ben differenziate tra loro, motivo per cui è ideale visitarla tra Ottobre e Novembre, con poche piogge e senza ghiacciate.

PIATTO TIPICO: Il Chicago Hot Dog e la Deep-Dish Pizza, una sorta di torta salata dallo spessore molto alto e condita con salumi, formaggi e verdure, da gustare al ristorante Giordano’s.

VISTA PANORAMICA: Skydeck con pedana in vetro della Willis Tower nel Financial District, e vista dal 94° piano dalla terrazza panoramica del John Hancock center con vista sul Lago Michigan.

FILM DA GUARDARE: The Blues Brothers, Chicago, Mamma ho perso l’aereo, Save the last Dance.

ESCURSIONE FUORI CITTÀ: A Chicago parte la celebre Route 66 che termina sul molo di Santa Monica, in California. Con tempo a disposizione il consiglio è di percorrere, almeno in parte, la strada tra città e luoghi deserti. Se invece cercate una gita in giornata, raggiungete la Gold Coast sul Lago Michigan, qui si trovano numerosi centri abitati, in cui la campagna e il ritmo lento della vita scorrono insieme.

New York

Skyline di New York città americane
Photo by Timo Wagner for Unsplash

New York. Indubbiamente la città più conosciuta e visitata degli Stati Uniti e anche se un cliché era impossibile non inserirla tra le dieci indimenticabili città americane. La Grande Mela è anche la Città che non dorme Mai che cantava Frank Sinatra in “New York, New York”, la città nella quale la vita scorre velocemente, tra iconici quartieri storici, vita cosmopolita, grattacieli altissimi e arte, tantissima arte. New York è sicuramente tra le città americane quella che racchiude più diversità tra un quartiere e l’altro.

Ci sono i luoghi più conosciuti, che nonostante la popolarità e la grande affluenza turistica riescono a mantenere il loro fascino autentico. Il Grand Central Terminal è la stazione ferroviaria penso più famosa al mondo, vista innumerevoli volte al cinema. Maestoso e di grande pregio architettonico, racchiude al suo interno ristoranti e anche un campo da tennis! A pochi passo si trovano alcuni dei grattacieli più conosciuti di New York: il Chrysler Building, l’Empire State Building e il Rockfeller Center. Briant Park è il piccolo e grazioso parco, nel cuore pulsante di New York, tra gli altissimi grattacieli e poco distante dalla Public Library, l’incantevole biblioteca aperta dal 1916 e che merita assolutamente una visita.

Photo by Stefan Valentin for Unsplash

C’è poi il New World Trade Center che comprende la Freedom Tower, l’altissimo grattacielo da cui si ha la spettacolare vista su Manhattan e a due passi dal 9/11 Memorial e dal 9/11 Tribute Museum, il museo dedicato alle vittime dell’11 Settembre 2001. Toccante e commovente racconta l’evento che ha segnato la storia americana. Imperdibile una visita nell’immenso Central Park, tra l’Upper West Side e l’Upper East Side di Manhattan, ideale per un picnic durante la bella stagione e ricco di paesaggi incredibili. Tra romantici ponti, terrazze, giri in barca, fontane e anche un bosco, Central Park, merita qualche ora di visita durante un viaggio a Manhattan.

Tra le esperienze imperdibili a New York, la più indimenticabile tra le città americane, spiccano assistere ad una messa Gospel la Domenica mattina ad Harlem, per vivere un’emozione irripetibile e visitare il quartiere di Brooklyn, alternativo e ricco di ambientazioni da film, date anche dalla presenza di numerose brownstones, le tipiche case di mattoni rossi. All’interno del quartiere si trova la zona di Williamsburg, vivace e hipster, unisce diverse culture ed è decisamente trendy, ricca di negozi vintage e librerie alternative. Il Domino Park e il Main Street Park sono due graziosi parchi situati a breve distanza l’uno dall’altro, che affacciano sull’East River e che offrono viste panoramiche memorabili su Manhattan, oltre che regalare qualche ora di puro relax.

Città americane: ponte di Brooklyn
Photo by Sergio Samaritani
Photo by Jessica Moreno
Vista su Domino Park città americane
Photo by Sergio Samaritani

Tra le novità c’è il complesso di Hudson Yard, sul lungo fiume Hudson nel quartiere di Chelsea. Gli edifici presenti si dividono tra quelli adibiti ad uffici e ad altri ad uso commerciale. Inoltre è presente il The Vessel, di nuova costruzione, una struttura ramata da cui si gode una vista panoramica incredibile. Poco distante si trova anche il Chelsea Market, una tappa fondamentale per gli amanti della cucina, in cui assaggiare i famosi tacos o puntare al pesce fresco, ostriche ed aragoste. L’High Line, anche lei nel quartiere di Chelsea, è il parco con percorso pedonale sopraelevato costruito su una ferrovia in disuso. Dal 2009, offre prospettive originali su Manhattan e attraversa alcuni luoghi particolari che hanno segnato la storia della città.

Photo by Lerone Pieters for Unsplash

QUANDO VISITARLA: In Autunno, per la temperatura più gradevole e i colori meravigliosi di Central Park.

PIATTO TIPICO: La New York Pizza, la New York Cheesecake e gli hot dog dei food truck.

VISTA PANORAMICA: Impossibile citarne solamente una! Le migliori viste le si hanno dall’Empire State Building, per una splendida visuale sui grattacieli di New York. Dal Top of the Rock, invece la vista spazia, oltre che sulla Downtown, anche sul panoramico Central Park. Di recente apertura la Freedom Tower del One World Trade Center regala la vista dal punto panoramico più alto di tutta Manahattan, comprensivo di Empire State Building e del magnifico Chrysler Building

Oltre alle viste dai grattacieli, le più romantiche sono quelle da alcuni punti strategici di Central Park e dal Domino Park di Williamsburg, che gode di una vista privilegiata sul Ponte di Brooklyn e sullo Skyline di Manhattan.

FILM DA GUARDARE: Colazione da Tiffany, Harry ti presento Sally, Taxi Driver, Manhattan, Remember Me

ESCURSIONE FUORI CITTÀ: Da New York è possibile raggiungere sia altre città americane, come ad esempio Washington D.C., Philadelphia e Boston, sia località più vicine. Tra queste, molto carina, una gita in giornata a Coney Island, tra luna park, hot dog e murales. Se invece prediligete superare il confine e arrivare in Canada, le Cascate del Niagara si trovano a circa 1 ora e mezza di volo aereo.

Ringrazio Jessica e Sergio per avermi raccontato la loro esperienza in alcune città americane presenti nell’articolo, New York, Chicago, Dallas e Austin, siete stati davvero preziosi per sviluppare questo progetto.

You might also like

No Comments

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.